Comunicazione al dott.tonino grasso

17 giugno 2006

Comunicazione al dott.tonino grasso


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


13 giugno 2006

Comunicazione al dott.tonino grasso

La ringrazio per avermi risposto.
Vorrei raccontarle un pò di me. Sono una giornalista pubblicista, sto anche per laurearmi in Scienze dei beni culturali e ho anche un bellissimo matrimonio. Volevo risolvere il gonfiore al viso perchè avendo tantissime cose da fare tutto il giorno mi piacerebbe sempre essere in ottima forma. La Depressione è una "malattia" che non mi appartiene: amo la vita e tutto quello che faccio.
Cordiali saluti

Risposta del 16 giugno 2006

Risposta a cura di:
Dott. TONINO GRASSO


Devo con costernazione confessarle di non saperle indicare altri indirizzi a spiegazione della sintomatologia accusata, peraltro descritta e non constatata personalmente, salvo una indagine sulla funzionalità renale, Torno a rimarcare i limiti qi queste consultazioni, che prescindono sia da una visita accurata, che da un'attenta e particolareggiata anamnesi.

Dott. Tonino Grasso
Medicina Territoriale
MARTANO (LE)

Risposta del 17 giugno 2006

Risposta a cura di:
Dott. ALBERTO MOSCHINI


Il gonfiore del viso, appartiene ai sintomi vaghi e aspecifici, che vanno sempre accuratamente indagati, sulla loro origine. Capisco che non è facile, ma proprio per questo, ho esami strumentali che mi permettono di seguire in tempo reale il ragionamento diagnostico e terapeutico. Va indagato accuratamente il sistema immunitario, infatti questo reagisce alle azioni di agenti patogeni esterni in maniera particolare e definirei, strana, gonfiore del viso, ma questo è uno dei tanti, proprio vaghi e aspecifici. Quando entra un agente patogeno, il sistema immunitario reagisce, cercando di espellerlo, ma può anche non riuscirci, a questo punto comincia un periodo di transizione, che può durare anche diversi anni, in cui cerca di reagire, ma non riesce, finché sopraggiunge la malattia conclamata. A questo punto tutti sono capaci di porre una diagnosi, ma il difficile sta nell’eseguirla molto tempo prima, quindi è necessario possedere il ragionamento adeguato ed esami strumentali che permettano di rilevare le cause che determinano questi sintomi vaghi e aspecifici. Il lavoro non è facile, si fa prima ad aspettare, che sopraggiunga la malattia conclamata, ma altrimenti, mancherebbe la prevenzione e scusi il piacere dello studio. Troppo facile echitettare la persona come nervosa, stressata, più difficile è analizzare attentante le cause che possono portare a quei sintomi.
Saluti

Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia, agopuntura. . . )
MASSA (MS)

Risposta del 17 giugno 2006

Risposta a cura di:
Dott. TONINO GRASSO


SI. . . E? VERO. n viso gonfio, anche se non visto, può far pensare, eventualmente, anche all'allergia a qualche cosmetico! E' che così si deve lavorare troppo di fantasia!
Mi scuso con la signora, e mi congratulo con il collega che ci ha o pensato, mi pare, prima di me.
Cordiali saluti.

Dott. Tonino Grasso
Medicina Territoriale
MARTANO (LE)

Ultime risposte di Malattie infettive

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa