Conseguenze ictus

08 novembre 2005

Conseguenze ictus




03 novembre 2005

Conseguenze ictus

CARO DOTTORE MIO NONNO HA AVUTO UN EMMORAGIA CELEBRARE DOVUTA AD UN AUMENTO DELLA PRESSIONE, CHE HA PORTATO AD UN ICTUS E PARESI DELLA PARTE DESTRA DEL CORPO. I SOCCORSI GLI SONO STATI DATI SOLO DOPO MOLTE ORE IN QUANTO LUI VIVE SOLO E NON è RIUSCITO A CHIAMARE NESSUNO. HA PASSATO UN GIORNO IN RIANIMAZIONE. IL GIORNO DIìOPO LE CONDIZIONI SONO GIà MIGLIORATE ORA MANGIA, SEMPRE AIUTATO, CAPISCE QND CLI PARLIAMO E ANCHE SE A FATICA RISPONDE. IN PERCENTUALE QUANTE SONO LE PERSONE CHE RECUPERANO ANCHE SE NON TOTALEMENTE AL MENO IN PARTE LE FUNZIONI?

Risposta del 08 novembre 2005

Risposta a cura di:
Dott. GIOVANNI MIGLIACCIO


Con l'ausilio della Fisiokinesi terapia sicuramente dovrebbe verificarsi un miglioramento del movimento e della funzionalità degli arti colpiti nell'arco di 4-8 mesi. Per quanto riguarda la parola è necessario anche la logopedia.
Cordialità ed auguri

Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)

Ultime risposte di Mente e cervello


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube