Crampi alle caviglie

12 marzo 2006

Crampi alle caviglie




09 marzo 2006

Crampi alle caviglie

Gent. Mi medici di Dica33, spero di inviare la domanda nel settore giusto.
Ho 45 anni. Da 4 anni (pochi mesi dopo la morte di mia madre, che mi ha procurato un grave stato di deperimento generale) ho iniziato a soffrire (non spessissimo, un paio di volte all'anno) alla mattin, a dopo un movimento "sbagliato", di crampi dolorosissimi alla parte esterna della caviglia, con irrigidimento del piede verso l'esterno, e che durano parecchi minuti e passano completamente solo continuando a massaggiare la parte esterna della gamba, dalla caviglia passando per l'esterno del ginocchio, fino a dietro l'anca. Associato a questi crampi ho un senso di "fastidio" e minor mobilità proprio nel gluteo, parte esterna, dietro l'anca. Da alcuni anni non faccio attività fisica particolare, tranne camminare in città (so che faccio male, ma per ora non riesco a fare altro).
Porto scarpe comode, con tacco basso.
Nell'ultimo periodo (un paio di mesi) la sensazione di leggero dolore alla cavilgia e tensione nelle gambe dalla caviglia fino all'anca è presente anche di giorno.
Lavoro al computer, per cui sto seduta molte ore al giorno.
Nelle ultime due settimane sono stata ferma in casa per un susseguirsi di due forme Influenza li, prima con Mal di gola e Raffreddore, poi una forma in testinale, senza però febbre. Stamattina ho avuto di nuovo il crampo.
Non so cosa fare. Può dipendere anche dalla circolazione?
È meglio che faccia una visita ortopedica, fisiatrica o angiologica? O tutte?
Nel momento che c'è il dolore può far bene usare il freddo o il caldo sulla parte irrigidita?
Ringrazio anticipatamente per l'aiuto che potrete darmi.

Risposta del 12 marzo 2006

Risposta a cura di:
Dott. RAFFAELE PASTORE


Penso che possa esservi una correlazione diretta con il trauma psichico legato al lutto recente.
Mi orienterei in quella direzione prima di sentire tutti gli specialisti che lei ha citato.

Dott. Raffaele Pastore
Medicina generale convenz.
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia, agopuntura. . . )
JESI (AN)

Risposta del 12 marzo 2006

Risposta a cura di:
Dott. TONINO GRASSO


Tra le visite che lei ipotizza di fare, è indicata maggiormente quella ortopedica.

Dott. Tonino Grasso
Medicina Territoriale
MARTANO (LE)

Ultime risposte di Malattie infettive


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube