Crisi di ansia e panico

18 ottobre 2004

Crisi di ansia e panico




Domanda del 14 ottobre 2004

Crisi di ansia e panico


Gentile dottore, ho 29 anni e da quasi 3 soffro di ansia e attacchi di panico. Ho preso per un anno il sereupin, con buoni risultati fino ad agosto, quando l'ho interrotto. Ho seguito anche una psicoterapia, ma da 3 mesi sono ripiombata nello stesso problema, anzi peggiorata perchè ho molta più ansia e soprattutto angoscia, che è quella che mi preoccupa di più. La mia domanda è: possono esservi cause organiche quali allergie o problemi al setto nasale, o ancora problemi alla mandibola (malocclusione) o problemi alla schiena, cervicale o altro? Le chiedo questo perchè molte volte mi è capitato su internet di leggere alcune di queste cause. La ringrazio anticipatamente Tata
Risposta del 18 ottobre 2004

Risposta di GIULIA MARIA D'AMBROSIO


Mancano informazioni più dettagliate, ma comunque non mi sembra che il suo caso abbia una partenza somatca. Poche sedute di psicoterapia certo non son bastate. Approfondisca la cosa. E non cada nella trappola della ricerca scientifica sui farmaci: tranne che in limitati e precisi casi, non è con le pastiglie che si guarisce. Se lo ricordi sempre.
Auguri!

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)



Il profilo di GIULIA MARIA D'AMBROSIO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Ultime risposte di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Disturbi dell'apprendimento, dieci punti per capire
Mente e cervello
19 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Disturbi dell'apprendimento, dieci punti per capire
Sindrome di Asperger: graphic novel sulla vita quotidiana di una ragazza
Mente e cervello
16 settembre 2018
Libri e pubblicazioni
Sindrome di Asperger: graphic novel sulla vita quotidiana di una ragazza
I ragazzi balbuzienti sono più a rischio di bullismo
Mente e cervello
13 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
I ragazzi balbuzienti sono più a rischio di bullismo