Demenza

20 marzo 2015

Demenza




Domanda del 15 marzo 2015

Demenza


Buona sera Dottore 15-03-2015
La mia mamma ha ottantasette anni, dopo varie ischemie è invalida e non riesce neanche a muovere una mano, cerchiamo di non tenerla a letto per avere un po’ di mobilità ;, ma non partecipa neanche quel po’ che potrebbe. Chiama di continuo e vuole essere spostata dalla sedia al divano ecc. Ammalata di demenza. Chiama tutta la notte e il giorno e fino ad ora il geriatra non ha trovato una medicina per tranquillizzarla.
Prende Lasix, Ramipril, Cerotto per il cuore, (ha provato il Serenase, Quietapina e altre) ora prende Olanzapina 2 la sera e 1 al mattino abbiamo provato anche 1 al pomeriggio. Senza risultato non dorme. Caso strano, riposa un po’ con mezza compressa di Stilnox.
Dottore non so piu cosa fare! Non vorrei fare ricoverare la mia mamma ma sono allo stremo.
La Ringrazio Buona sera Giulia

Risposta del 20 marzo 2015

Risposta di MARIA LETIZIA PRIMO


gentile paziente in questi casi si ottengono buoni risultati con il trazodone in gocce ma le consiglio vista la complessità del caso di rivolgersi ad uno psicogeriatra che valuti la persona nel suo complesso
buona giornata


Dott.ssa Maria Letizia Primo
Specialista attività privata
Specialista in Medicina legale
Specialista in Psichiatria
Specialista in Scienza dell'alimentazione
Torino (TO)

Il profilo di MARIA LETIZIA PRIMO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Ultime risposte di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Lotta alla sclerosi multipla con la mela di Aism
Mente e cervello
05 ottobre 2018
Notizie e aggiornamenti
Lotta alla sclerosi multipla con la mela di Aism
Chat Yourself, il software alleato dei malati di Alzheimer
Mente e cervello
02 ottobre 2018
Notizie e aggiornamenti
Chat Yourself, il software alleato dei malati di Alzheimer
Epilessia farmacoresistente: i benefici della musicoterapia
Mente e cervello
24 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Epilessia farmacoresistente: i benefici della musicoterapia