Depressione

29 febbraio 2016

Depressione


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


08 novembre 2015

Depressione

Buonasera. Sono in cura per depressione da circa 10 anni. Ho avuto diverse ricadute perché il mio neurologo tendeva a diminuirmi i farmaci. Adesso mi sono rivolta ad un psichiatra che mi ha prescritto la seguente cura: sertralina 100 mg 1 CP al mattino + deniban 50 mg, la sera lyrica 75mg. + tavor 1 mg, la situazione è migliorata. Il deniban mi portava stitichezza e la prolattina a 120, vista la situazione il mio psichiatra dimuniva il deniban a 0, 25. Risultato la stitichezza persisteva e la prolattina scendeva a 39. Mi consigliava di sospendere il deniban e mi confermava gli altri farmaci. Dopo dieci sospensione deniban, accusavo malessere generale, nausea e diarrea. Il deniban, anche mezza CP mi fa stare bene. Chiedo, per cortesia, esiste un farmaco che può sostituire il denibanche non mi crei stitichezza e aumenti la prolattina. Se è no, è accettabile la prolattina a 39 per i miei 70 anni, per la stitichezza e gonfiore addominale, mi può consigliare una terapia, in attesa, ringraziò e saluto cordialmente.

Risposta del 10 novembre 2015

Risposta a cura di:
Dott. MARCO PAOLEMILI


La prolattina elevata, anche se a livelli non eccessivi porta una serie di effetti quali la ritenzione idrica, l'aumento di peso, la ginecomastia, la galattorrea ed è un fattore di rischio per tumori al seno. Se nella sua famiglia c'è una familiarità per questo tipo di neoplasia, è fortemente sconsigliato avere una prolattina elevata. Esiste una soluzione farmacologica per abbassare la prolattina e anche qualche farmaco, che, con meccanismi d'azione diversi, agiscono come il deniban sulla dopamina. Ne parli con il suo psichiatra e valutate insieme quale possa essere la soluzione migliore.

Dott. Marco Paolemili
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Ricercatore
Psicoterapia
Specialista in Psichiatria
Roma (RM)
Risposta del 29 febbraio 2016

Risposta a cura di:
Dott. GIANPIERO MOLUCCHI


Il farmaco che ella usa fa parte di una categoria di neurolettici che da anni dimostrano una significativa potenzialità di aumentare la prolattinemia, non solo ma a dosaggi più elevati di quello propostole può spesso indurre fenomeni extrapiramidali, fastidiosi e pericolosi. Penso sarebbe cosa buona e giusta passare ad altra famiglia di Neurolettici. Sono certo che il suo Psichiatra riuscrà a trovare una soluzione soddisfacente. Buona serata

Dott. gianpiero molucchi
Medico Ospedaliero
Specialista in Psichiatria
Treviso (TV)

Ultime risposte di Mente e cervello

Tags:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Il diario giornaliero dell'umore, un aiuto per il paziente depresso
Mente e cervello
17 giugno 2021
Notizie e aggiornamenti
Il diario giornaliero dell'umore, un aiuto per il paziente depresso
Covid-19, neomamme: aumentate le visite di salute mentale
Mente e cervello
16 giugno 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19, neomamme: aumentate le visite di salute mentale
Alzheimer: le farmacie amiche delle persone con demenza
Mente e cervello
12 giugno 2021
Notizie e aggiornamenti
Alzheimer: le farmacie amiche delle persone con demenza