Dispepsia e gastroscopia

07 luglio 2015

Dispepsia e gastroscopia




02 luglio 2015

Dispepsia e gastroscopia

Gentili Dottori, a seguito di una notevole e persistente dispepsia mi è stata prescritta una gastroscopia e conseguente biopsia. L'esito è questo: "“01: Frustoli di mucosa duodenale con modesto infiltrato linfoplasmacellulare della lamina propria. 02: Frustoli di mucosa duodenale in parte mal orientata con moderato infiltrato linfoplasmacellulare della lamina propria e lieve iperplasia delle ghiandole del Bunner. 03: Mucosa gastrica di tipo pilorico iperplastica con presenza di nidi multipli di foveole gastriche di tipo ossintico nel contesto della lamina propria, come da condizione metaplasia/eterotopica. 04: Frustoli di mucosa gastrica di tipo antrale e in parte specializzato con parziali modificazioni degenerative e lieve infiltrato linfoplasmacellulare della lamina propria. 05: Frustoli di mucosa gastrica di tipo specializzato con modesto e focale infiltrato linfoplasmacellulare della lamina propria. 06: Frustoli di mucosa gastrica di tipo specializzato con focale ectasia e iperplasia foveolare. EGDS di controllo fra 1 anno” Vi sarò molto grato se vorrete spiegarmi con parole semplici questo esito, e, in particolare, le frasi ". . . mucosa iperplastica come da condizione metaplasica/eterotopica …" e ". . . in parte specializzato con parziali modificazioni degenerative e lieve infiltrato linfoplasmacellulare. . . ". Vi ringrazio sentitamente.

Risposta del 07 luglio 2015

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Punto 03: sono state eseguite biopsie nelle vicinanze del piloro (cioè l'ultima parte dello stomaco ). In questa sede sono presenti delle cellule che si trovano, normalmente nel fondo dello stomaco, cellule che producono l'acido cloridrico (cellule oxintiche ). In questo caso si parla di metaplasia, cioè di trasformazione e di eterotopia, che significa che non sono dove dovrebbero essere. Nulla di importante, è una situazione benigna, che però richiede un controllo tra un anno. Le parziali modificazioni degenerative e il lieve infiltrato dono espressione di infiammazione. Anche questa (infiammazione, nulla di più) richiede un controllo.


Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Stomaco e intestino


Vedi anche:


Ultimi articoli
Rettorragia
26 novembre 2019
Sintomi
Rettorragia
Disbiosi intestinale: come si cura
22 novembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Disbiosi intestinale: come si cura
Cos’è la disbiosi intestinale
15 novembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Cos’è la disbiosi intestinale
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube