Disturbo bipolare

30 marzo 2007

Disturbo bipolare




27 marzo 2007

Disturbo bipolare

Circa due settimane fa mia cugina ha avuto un episodio maniacale caratterizzato dal parlare tantissimo e molto più velocemente rispetto al solito, passando da un argomento all'altro senza alcun criterio, agitazione motoria e forte irritabilità per qualsiasi cosa le si dicesse. All’inizio pensavo si trattasse solo di un po’ di nervosismo(anche perché questo per lei è un forte periodo di stress), ma poi tutte le persone che l’hanno vista si sono accorte che c’era qualcosa che non andava. La cosa mi ha molto spaventata perchè non l'avevo mai vista così. Dopo una settimana è ritornata alla "normalità"e tra l’altro ricorda tutto quello che ha detto e fatto in quella settimana(cose stranissime come spendere inutilmente, mandare sms a raffica). Lo psichiatra che l'ha vista durante l'episodio dice che si tratta di disturbo bipolare in quanto lei in passato aveva sofferto di depressione anche se non aveva assunto farmaci. Ora le ha prescritto il litio ma lei si rifiuta di prenderlo perchè dice che sta bene. Volevo sapere se il litio ha effetti preventivi su possibili altre crisi maniacali e se si può prender anche ora in assenza di sintomi. Inoltre mi chiedevo se è possibile che si verifichino episodi maniacali isolati non legati a disturbo bipolare.

Risposta del 30 marzo 2007

Risposta a cura di:
Dott. SALVATORE SACCOCCIO


Un episodio maniacale puo' essere secondario a una patologia organica che va sempre esclusa prima di inquadrarlo come malattia psichica: vanno escluse patologie neurologiche (es. un meningioma, oppure una crisi
epilettica), deficit di ormoni tiroidei, infezioni, deficit di vitamine, effetto di farmaci assunti per altre malattie ecc
Un singolo episodio, peraltro leggero come lei lo descrive, è dubbio se vada trattato con i sali di litio a meno che ci sia una Depressione ricorrente importante.
ESSENZIALE CONTROLLARE RIPETUTAMENTE LA LITIEMIA E SAPER SEGNALARE AL MEDICO I SEGNI DI UNA INIZIALE INTOSSICAZIONE DA LITIO E FARE I CONTROLLI DELLA TIROIDE PERIODICAMENTE CONOSCENDO I SINTOMI DELL'IPOTIROIDISMO.

Dott. salvatore saccoccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Psichiatria
ARCO (TN)

Ultime risposte di Mente e cervello




Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube