Dolore perineale

12 maggio 2006

Dolore perineale




09 maggio 2006

Dolore perineale

Buongiono, avendo consultato molti urologi e proctologi e non avendo avuto risposte concrete mi rivolgo a lei. Nel 2003 sono stato ricoverato all'ospedale per indebolimento delle gambe e dalle analisi fatte (elettromiografie, lastre, risonanze magnetiche e analisi del midollo spinale) è risultato che sono affetto da radicoloneuropatia demielinizzante con lesione sacrale, diminuzione dei rifessi e paralisi degli arti inferiori e dell'arto superiore destro. Ho ricominciato piano piano a camminare abbastanza bene per terapia cortisonica che seguo tutt'ora e per flebo di immunoglobuline una volta al mese per 5 giorni. Però a luglio del 2205 ho cominciato a lamentare fortissimi dolori ai glutei, all'ano, ai testicoli e al pene. Non riesco a stare in piedi e nemmeno seduto, solamente se sto sdraiato il dolore si attenua e mi fa male anche quando ho una erezione e una eiaculazione. Mi sono rivolto ad un urologo che mi ha detto che il dolore poteva essere dovuto ad una prostatite batterica, ho fatto l'analisi e infatti avevo molte colonie di stafilococco areus e di enterococco fecalis, mi sono curato ma non è migliorato niente. Sono di nuovo stato ricoverato in ospedale e per escludere che il dolore fosse duvuto alla mia malattia ho di nuovo fatto tutti gli esami dai quali è risultato che sono molto migliorato e la lesione non c'è più, allorami hanno operato ad una ragade anale pensando che la causa fosse quella. Mi sono operato il 24 febbraio di quest'anno e ho ancora dolore e la ferita non si è ancora chiusa del tutto. Mi sono rivolto ad un proctologo che mi ha detto che potrebbe essere una nevrite del nervo pudendo e pensa che questa infiammazione sia dovuta alla mia vecchia malattia e a cause neurologiche. Secondo lei è possibile che il nervo si sia infiammato per questo motivo? Se si come devo intervenire? La ringrazio in anticipo per la sua risposta e per la sua cortese attenzione.

Risposta del 12 maggio 2006

Risposta a cura di:
Dott. GIOVANNI MIGLIACCIO


La sua storia clinica è un po' complessa e di difficile inquadramento senza una valutazione clinica. Che la ragade anale possa crearle tali disturbi ho qualche perplessità.
Si rivolga a un neurologo che, con una accurata visita, Le prescriverà eventualmente degli esami per approfondire la diagnosi.
Mi faccia sapere
Cordialmente

Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)

Ultime risposte di Mente e cervello

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa