Dolore persistente addome destro

07 gennaio 2015

Dolore persistente addome destro




07 gennaio 2015

Dolore persistente addome destro

Buongiorno. Ho 37 anni. Da diversi mesi soffro di dolori alla parte destra dell'addome da sotto le costole all'altezza dell'ombelico. Ho fatto una cura con levopraid e lucen che mi ha dato qualche beneficio ma negli ultimi 15 giorni tutto è tornato come prima. Anzi il dolore è leggermente aumentato ed è per me causa di grandissima Ansia e tensione. Perdura per tutto il giorno (non mi sveglio mai di notte) e cessa solo per brevi momenti per poi ripresentarsi ora in alto ora in basso. Prima di natale mi sono recata in pronto soccorso dove mi sono state fatte le analisi del sangue (nella norma) e un'eco addome completo che ha rivelato sludge biliare e cisti ovariche di 1. 6 mm con piccolo versamento nel douglas (a detta del radiologo " funzionali") per il resto tutto nella norma. Vado di corpo regolarmente ogni giorno senza difficoltà (le feci però sono molli e poco formate ). Attualmente sta prendendo il deursil (prescritto dal mio medico) per prevenire la formazione di calcoli biliari e da quando ho iniziato la terapia il dolore è peggiorato ed ho eruttazioni continue. Il dolore specie in alto (sempre a destra) peggiora quando mangio. Sto seguendo una dieta povera di grassi e ricca di fibre anzi sono così terrorizzata dal cibo che non mangio quasi più nulla, bevo molto e ho completamente eliminato gli alcolici. Per il resto sto bene, non mi sento stanca, non ho nausea, nè febbre, nè inappetenza (ho fame anche se non mangio niente ), sono solo spaventata. In passato ho sofferto di colite nervosa e l'ultimo anno è stato molto difficile per me. Cosa devo fare per far passare il dolore? Sono molto stanca. Grazie a chi mi vorrà rispondere.

Risposta del 07 gennaio 2015

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Dalla descrizione dei suoi disturbi, si direbbe che essi provengano dal colon, piuttosto che dallo stomaco. Probabilmente si tratta di spasmi della muscolatura del colon, con dolori che possono essere accentuati dalla formazione di aria e con episodi di eccessiva motilità, causa delle feci non formate. Del resto, dice lei stessa che ha già sofferto di " colite ", quella che noi preferiamo chiamare " colon irritabile". Dovrebbe farsi prescrivere dal suo medico dei prodotti per combattere questa situazione.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Stomaco e intestino




Vedi anche:
Ultimi articoli
Colite ulcerosa
14 aprile 2020
Patologie mediche
Colite ulcerosa
Un batterio per amico
21 febbraio 2020
Quiz e test della salute
Un batterio per amico
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube