Dolore testicolo,pene inclinato

30 settembre 2013

Dolore testicolo,pene inclinato


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


25 settembre 2013

Dolore testicolo,pene inclinato

Buongiorno. Da molto tempo ho male al testicolo sinistro, ma in effetti mi sembra che ci sia una relazione con quei legamenti (io li chiamo cosi) che uniscono il testicolo all'osso ( pube ) da cui esce il pene. Mi dilungo un po per fornire altre informazioni che forse possono essere utili per meglio identificare il problema. Circa un anno fa mi sono accorto di avere una disfunzione erettile e mi sono accorto di avere il pene che quando si allunga e si gonfia ( erezione non al 100% ) si inclina verso l'inguine sinistro. Se provo a raddrizzarlo mi accorgo che mi duole come se i legamenti che lo tengono legato al pube reagissero o fossero accorciati. Non ho dolore nell'inguine vero e proprio dove non ci sono ne' rigonfiamenti da eventuale ernia ne arrossamenti. La parte che duole e' la parte che parte dall'inguine senza convolgerlo e va al testicolo sinistro. E' molto difficile localizzare il dolore e tutte le volte che con la mente cerco di localizzarlo anche se mi sembra che sia interessata la zona pubica
poi concludo sempre che e' il testicolo a dolermi. Sono stato da diversi urologi per la disfunzione erettile, presumibilmente, dovuta ad un afflusso insufficiente di sangue al pene, considerato che gli esami del sangue non rivelano alcunche' (glicemia, testosterone ecc. . . . )ma con il doppler penieno dopo iniezione nello stesso e' risultato afflusso lento ed insufficente del sangue anche se il sig. urologo non ha quantificato, come ha osservato un successivo urologo nel leggere il risultato. Bene quando ho detto all'urologo che mi doleva il testicolo ha sorriso non capisco perche' poi mi ha detto che avevo un varicocele. Gli ho chiesto se fosse la causa della disfunzione erettile e mi ha detto di no ed anche che il dolore al testicolo non aveva relazione con il varicocele. Mi ha detto che non ci sono sintomi, ma si rileva con la palpazione. Ha detto che l'intervento non e' indispensabile. Poiche' e' un po di tempo che mi masturbo, avendo interrotto una relazione con l'ultima partner mi chiedo se la sollecitazione manuale, forse forte e continuata, possa aver provocato non so bene, ma qualcosa di meccanico. Adesso mi fa male anche quando cammino insieme al legamenti anche se concentrandomi non mi accorgo che i legamenti vengano tirati nel movimento trasmettendo poi al testicolo che poi duole. Se mi seggo in poltrona mi fa male. Noto che il testicolo tocca il sedile, ma non e' per quello in quanto dopo 20 minuti o 30 circa se sto fermo sulla poltrona il dolore mi passa. Posso solo concludere che il riposo mi faccia bene, Non credo possa essere una qualsiasi infezione perche' l'ultimo rapporto l'ho avuto il 30 aprile di quest'anno, ne' ernie che non vedo e non sento e non ho fatto sforzi fisici che potrebbero averle provocate.
Il mio pene in erezione ha una leggera torsione alla base e si inclina per intero verso sinistra. Quando e' gonfio la parte che va dal pube al glande e' piuttosto dura e dritta, ma palpando ho l'impressione che la parte sinistra alla base sia un po debole. Poiche' il pene si indurisce per afflusso di sangue dovrei concludere che l'afflusso sia insufficiente solo in quella parte o il sangue non riesce a gonfiarlo tutto, ma perche' la parte debole e' sempre quella a sinistra ed il pene si inclina a sinistra ?
Nessuno degli urologi che mi hanno visitato hanno mai fatto verifiche per le cose descritte che possono essere verificate solo previa erezione e quindi credo che i medici non lo facciano, perche' in realta nessuno ha fatto verifiche con pene in erezione totale o parziale.
Gradirei se e' possibile una risposta ai problemi che mi affliggono che spero non siano dovuti solo alla mia eta' ( ho 70 anni ).
Ringrazio in anticipo ed invio distinti saluti


Risposta del 30 settembre 2013

Risposta a cura di:
Dott. ANDREA MILITELLO


Gentile utente,
da quanto dice è affetto da recurvatum penieno o induratio penis plastica, qualificabili e quantificabili facilmente con un ecocolordoppler. Il dolore al testicolo può essere di natura infiammatoria o da varicocele, utile ecocolordoppler dei vasi spermatici e spermiocoltura

Dott. Andrea Militello
Casa di cura convenzionata
Casa di cura privata
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Urologia
Roma (RM)

Ultime risposte di Salute maschile

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa