Eggs and bacon...

16 dicembre 2004

Eggs and bacon...




13 dicembre 2004

Eggs and bacon...

Mio marito - di cui segnalo i dati - da alcuni mesi, dopo un viaggio di lavoro in Inghilterra, ha iniziato a far colazione con le famose eggs and bacon (mediamente 4 uova fritte!) tutte le mattine. La sua dieta comporta già l'assunzione di parecchi grassi (carni, fritti, maionese, patatine fritte, etc. ) e pochissima frutta e verdura. Tra l'altro è un forte bevitore di birra e vino e non pratica attività fisica. I miei discorsi non servono a nulla e vorrei ricevere un vostro parere sul rischio epatico e forse anche cardiaco a cui si sta esponendo, sperando che un consiglio da una fonte autorevole come la vostra possa indurlo a cambiare alimentazione. . . Grazie!

Risposta del 16 dicembre 2004

Risposta a cura di:
Dott.ssa GIULIA MARIA D'AMBROSIO


Rischio cardiaco altissimo, con una alimentazione simile che neppure gli inglesi ormai seguono più tutti i giorni.
Suo marito va incontro a guai certi, se l'alimentazione è costantemente come l'ha descritta. C'è poco da scherzare, il 50% degli occidentali muore di eventi correlati all'ipercolesterolemia, a causa dei troppi grassi ingeriti e del poco moto. Finché è un Infarto, è grave ma spesso si aggiusta. Ma quando si tratta di un ictus, con tutti i problemi connessi alla riabilitazione. . . io ci penserei, prima di cacciarmi in un simile pasticcio.
Comunque ricordare in continuazione questi rischi a una persona che non ne vuole sapere è inutile. Faccia in modo che tenga sotto controllo colesterolo, trigliceridi e glicemia, almeno una volta all'anno, e lasci al suo medico di famiglia certi compiti, se si rivelano troppo difficili. Non è detto che, passato l'entusiasmo iniziale, qualcosa lo induca poi a comportarsi in modo più lungimirante.
Un caro slauto.

Dott. Ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)

Ultime risposte di Alimentazione

Tags:


Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa