Emorroidi

14 giugno 2006

Emorroidi


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


11 giugno 2006

Emorroidi

gradirei conoscere un parere sulla crioterapia delle emorroidi di secondo grado associate ad una piccola ragade posteriore. Alcuni pazienti operati danno pareri contrastanti. grazie

Risposta del 14 giugno 2006

Risposta a cura di:
Dott. GIUSEPPE D'ORIANO


Partendo dal concetto che afferma che la patologia emorroidaria è secondaria allo scivolamento verso il basso di una parte del rivestimento del canale anorettale, dobbiamo convenire che bisogna correggere questo scivolamento e non asportare il tessuto emorroidario. Nella patologia emorroidaria di II grado assistiamo ad un prolasso emorroidario, durante la defecazione, che si riduce spontaneamente. La crioterapia ha avuto un suo ruolo in un periodo in cui si era alla ricerca di medoti alternativi per asportare il tessuto emorroidario. Con la crioterapia si ottiene una ustione da freddo e una necrosi del tessuto emorroidario, molto spesso coinvolgendo anche strutture adiacenti come lo sfintere anale e l'anoderma complicandosi con stenosi cicatriziali e Incontinenza. Le linee guida delle più autorevoli societa di coloproctologia non menzionano più tale tecnica tra le più idonee a risolvere la malattia emorroidaria, anche io sono dello stesso parere. Per la ragade anale abbiamo a disposizione più presidi terapeutici, ma bisognerebbe sapere se è una ragade insorta da poco tempo o di vecchia data e conoscere il tono dello sfintere anale, per poter instaurare una terapia con dilatatori e farmaci che agiscono sullo sfintere o intervenire chirurgicamente. Sono a sua disposizione per ulteriori chiarimenti. Saluti dott. Giuseppe D'Oriano.

Dott. Giuseppe D'Oriano
Medico Ospedaliero
Specialista in Chirurgia generale
NAPOLI (NA)

Risposta del 14 giugno 2006

Risposta a cura di:
Dott. AMILCARE TROMBETTI


Personalmente non mi trova molto d'accordo su tale tecnica che ha comportato piu di un problema a distanza. Credo che potrebbe risolvere il suo problema con la legatura elastica o con l'intervento di Longo associato ad una piccola sfinterotomia.

Dott. Amilcare Trombetti
Medico Ospedaliero
Specialista in Chirurgia generale

Ultime risposte di Cuore circolazione e malattie del sangue

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa