Epididimite e successiva prostatite abatterica

12 ottobre 2015

Epididimite e successiva prostatite abatterica




07 ottobre 2015

Epididimite e successiva prostatite abatterica

Buongiorno,
il mio problema inizia a Giugno di quest'anno con un dolore al testicolo destro accentuato dallo stare seduto a lungo per lavoro (circa 10 ore al giorno ). Cerco di curarmi da solo prendendo qualche antiinfiammatorio ma non avendo effetto mi rivolgo ad un urologo il 2 luglio. A seguito della visita con esame ecografico non viene rilevato nulla a carico della prostata, vescica e testicoli. L'urologo mi prescrive una settimana di antibiotici e 10 gg di Oki bustine. Sembra esserci un miglioramento ma in realtà ;, probabilmente dovendo stare seduto a lungo, si presenta nuovamente dolore e quindi ritorno dall'urologo che a seguito di ulteriore ecografia evidenzia un leggero ingrossamento epididimo dx e prescrive ciclo antibiotici più lungo e antiinfiammatorio. Il dolore all'epididimo passa verso metà agosto ma subentra una situazione di nicturia (bisogno di alzarsi circa 3/4 volte nella notte, nessun bruciore ad urinare e colore chiaro dell'urina ). Gli esami fatti a settembre (2 spermiocolture 1 urinocoltura 1 test di meares e analisi sangue e urine) non evidenziano niente. Durante il massaggio prostatico l'urologo evidenzia però prostata ingrossata e congestionata. Mi viene prescritta cura giornaliera 1 Prostamev plus + 1 Flogmev per 3 mesi. Sono a circa 15 giorni dall'inizio di questa cura ma volevo sapere quanto può essere lungo il trattamento. Attualmente non ho nessun tipo di dolore ma certamente un aumento della frequenza minzionale che mi sta creando disagio. Alimentazione da manuale e negli ultimi due mesi nessun alcolico. Poca attività fisica. Purtroppo per lavoro devo rimanere a sedere circa 10 ore al giorno. Può essere necessario secondo il vostro parere approfondire con esame PSA? E'corretta la cura prescritta? Generalmente quali sono le tempistiche per vedere dei risultati? Grazie

Risposta del 12 ottobre 2015

Risposta a cura di:
Dott. ANDREA MILITELLO


Salve

concordo con tutto

molto probabilmente già l'epididimite iniziale era una spia della successiva prostatite

la cura con serenoa va seguita per almeno due mesi

esegua a distanza dell ultimo antibiotico, almeno dieci giorni, una spermiocoltura

un caro saluto

Dott. Andrea Militello
Casa di cura convenzionata
Casa di cura privata
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Urologia
Roma (RM)

Ultime risposte di Salute maschile


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube