Ernia jatale e gastrite cronica

03 marzo 2008

Ernia jatale e gastrite cronica




29 febbraio 2008

Ernia jatale e gastrite cronica

Vorrei sapere se e quanto è efficace l'intervento del collarino magnetico, o sfintere magnetico, e se un eventuale intervento è indicato nel mio caso, anche un'eventuale laparoscopia, perchè non riesco più a vivere coi sintomi fastidiosissimi che mi porto dietro da anni e che non treggono giovamento dalle cure. Attualmente sono in cura con:Mepral 20, 1 cp al mattino e una alla sera, Valpinaz 20, 1 cp prima di pranzo e cena, Gaviscon advance, un cucchiaino dopo i pasti e la sera prima di coricarmi, Sereupin 1 cp la sera. Nonostante la cura e l'astensione da alcool, sigarette e caffè, non ho notato nessun miglioramento;soltanto il bruciore è stato alleviato dal Gaviscon. Al mattino mi sveglio sempre con la bocca amara, (e questo mi sveglia anche di notte)e sensazione di nausea, inappetenza, non ho mai appetito, mi sforzo di mangiare e appena mangio qualcosa, pochissimo, mi sento subito piena. Ho sempre l'acido, molta salivazione in bocca, bocca acida e amara, a volte un senso di "vuoto", un buco allo stomaco come se avessi fame ma non è fame, nausea, sensazione di indigestione. A volte bruciore, languore, ho sempre fastidio a livello dello stomaco, a volte dolore. . . I sintomi sono tanti, variano continuamente e sono sempre presenti. Allora io le chiedo, può una piccola ernia jatale dare tutti questi sintomi, sempre, 24 ore su 24??Possibile che dopo aver cambiato tante cure, (da 2 anni circa ho scoperto di avere l'ernia iatale)io ancora sto male e non posso condurre una vita normale a causa di questo fastidioso malessere?Ci deve pur essere una spiegazione!Secondo lei, dopo tante cure non efficaci, è il caso di iniziare a considerare come soluzione un intervento, o sarebbe azzardato ed esagerato nel mio caso?La prego, mi risponda perchè questa cosa mi sta davvero torturando. Gradirei una sua delucidazione. Grazie. Cordiali Saluti. EGDS: (ottobre 2007) Piccola ernia jatale da scivolamento non complicata da esofagite. Multiple piccole formazioni polipoidi sessili del corpo e del fondo gastrico, alcune delle quali vengono asportate con pinza bioptica. Iperemia ed edema della mucosa antrale gastrica. Non lesioni del bulbo e della seconda porzione duodenale. Polipi ghiandolari cistici. Negativa la ricerca di H. P.

Risposta del 03 marzo 2008

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Solo le ernie iatali di una certa dimwnsione richiedono un intervento chirurgico. La sua è piccola e va curata con terapia medica. Il suo disturbo principale è correlato a una cattiva digestione, con un duplice reflusso: gastro-esofageo (che dà acidità) e duodeno-gastrico (amaro in bocca) Quindi la cura principale deve consistere in farmaci cosiddetti "procinetici), come, per es. , il domperidone o la levosulpiride. Secondo me è meglio prendere 40 mg insieme, una volta al giorno, invece che 20 X 2 di Omeprazolo.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Universitario
Specialista in Cardiologia
Specialista in Gastroenterologia
MILANO (MI)

Ultime risposte di Stomaco e intestino




Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa