Evidente sintomatologia da trauma

17 marzo 2006

Evidente sintomatologia da trauma




26 febbraio 2006

Evidente sintomatologia da trauma

Gentile Dottore, Circa 7 mesi fa a seguito di un incidente ho subito un trauma distrattivo cervicale, ho portato il collare per 20 gg ed una sospetta frattura scapolo omerale, ho portato per 20 gg una fascia immobilizzante. L’esame di RNM cervicale ha riscontrato Ipolordosi antalgica con trocoscoliosi ed in C4/C5 e C5/C6 ernie discali contenute posteriori mediane che comprimono il il sacco durale e lambiscono la superficie ventrale del midollo spinale, peraltro indenne da alterazione di segnale. L’esame di RNM della spalla ha riscontrato segni di capsulite post-traumatica acromion-clavicolare con impigement del tendine sovraspinato ove è riconoscibile un’alterazione di segnale da sofferenza flogistica. L’esame di EMG del braccio sx ha riscontrato una sofferenza muscolare neurogena cronica nel territorio innervato dalla radice C7 a sx e sofferenza del nervo mediano al polso sx di grado medio. Ho effettuato visite Otorino che hanno evidenziato una ipoacusia neurosensoriale laterale sx, ho senso di sbandamento, ronzii, acufeni e vertigini. Ho effettuato visite Oculistiche che hanno evidenziato una riduzione diffusa del campo visivo, e spesso ho la sensazione di vedere bagliori anche colorati, ho subito un abbassamento della vista ed ho dovuto mettere gli occhiali per leggere con gradazione + 2. A tutto questo c'è da aggiungere che nonostante siano trascorsi più di 8 mesi i sintomi non regrediscono, soffro ancora di forti dolori al rachide cervicale, cefalea nucale, senso di vertigine soprattutto nei cambiamenti di posizione del capo e nei cambiamenti del clima, dolore intorpidimento e formicolio del braccio sx e della mano e riduzione della forza nella presa della mano, ho difficoltà ad essere lucido specialmente quando devo affrontare compiti importanti e difficoltà a risolvere contemporaneamente due o più problemi ED INOLTRE SPESSO SOFFRO DI SMEMORATEZZA. Una RNM all'encefalo non ha riscontrato alcun problema. E' evidenteche i problemi da me lamentati hanno origine dal trauma cervicale e cioè dalla radiculopatia cervicale che potrebbe causare una compressione delle radici dei nervi? Poichè la mia professione di Consulente Finanziario mi richiederebbe l’uso dell’auto per andare trovare i miei clienti ( cosa che mi è stata vivamente sconsigliata "ED ANCHE SU QUESTO" Le chiedo un suo parere! ) oltre molta presenza ed attenzione le chiedo cosa fare per cercare di ritornare vicino alla normalità e se a suo parere ho necessità di effettuare altre visite o indagini visto che incomincio anche ad accusare una fastidiosa ansia, non dormo che per poche ore ed ho giustamente apprensione per il mio futuro. Tra l'altro il problema della cefalea non mi permette di lavorare, e selo faccio non riesco ad essere lucido. Inoltre pare che il disturbo sia di tipo soggettivo e quindi per le assicurazioni ha poca rilevanza in quanto a loro dire IL PAZIENTE POTREBBE fingere! La ringrazio sin da ora per la sua cortese attenzione. . . Valerio Agrusta

Risposta del 17 marzo 2006

Risposta a cura di:
Dott. GIOVANNI MIGLIACCIO


Egr. signor Agrusta,
Credo che i Suoi disturbi derivino da quanto riscontrato alla NMR cervicale e che essi possono essere in nesso di causalità con il trauma.
La guida dell'auto è sconsigliabile se vi è una debolezza significativa a una delle due braccia e se i disturbi visivi sono frequenti.
I Suoi disturbi non sono affatto soggettivi e sono al contrario oggettivamente dimostrabili. Gli Assicuratori ci tentano. . .
Spero di esserLe stato utile
Cordialmente

Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)

Ultime risposte di Mente e cervello

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa