Febbre persistente

25 aprile 2016

Febbre persistente




Domanda del 21 aprile 2016

Febbre persistente


Buongiorno, da quattro giorni mio figlio di 27 anni ha sempre la febbre senza sintomi apparenti a parte male alle ossa. Con la tachipirina 500 non ha ottenuto risultati, invece con nurofen si riesce a farlo sfebbrare, ma passato l'effetto la febbre torna inesorabile. Cosa mi può consigliare? Il suo medico dice di continuare con la tachipirina 500, ma io penso che sia un dosaggio non appropriato, visto che dopo averla presa per due giorni la temperatura scendeva solo di qualche lineetta. Ci può essere magari un' infezione latente? ? Aspetto con Ansia il suo parere. grazie
Risposta del 25 aprile 2016

Risposta di ARNALDO DE MARIA


Gentile utente,

La sintomatologia che riferisce è molto scarsa e quindi insufficiente per poter azzardare una diagnosi sia pure di sospetto. La febbre da 4 giorni e i dolori alle ossa senza altri sintomi farebbe pensare ad un semplice patologia di natura influenzale ancora epidemica in questo periodo.

Ritengo che suo figlio sia stato visitato dal suo medico. Quindi stia tranquillo, continui ad assumere il paracetamolo per qualche altro giorno ancora ma se la febbre dovesse essere persistente (le auguro di no ), ovviamente bisognerebbe ricorrere ad indagini diagnostiche (tipo esami ematochimici e delle urine e se necessario anche strumentali ).

Dott. Arnaldo De Maria

Dott. Arnaldo De Maria
Specialista attività privata
Specialista in Malattie apparato respiratorio
Diamante (CS)

Il profilo di ARNALDO DE MARIA
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Ultime risposte di Malattie infettive



Potrebbe interessarti
Pertosse
Malattie infettive
10 settembre 2018
Patologie
Pertosse
Il soggiorno marino in spiagge tropicali
Malattie infettive
19 agosto 2018
Libri e pubblicazioni
Il soggiorno marino in spiagge tropicali
Morsi di zecca, come comportarsi
Malattie infettive
17 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Morsi di zecca, come comportarsi