Fibrillazione atriale

22 gennaio 2015

Fibrillazione atriale




22 gennaio 2015

Fibrillazione atriale

salve, mi chiamo lucia, scrivo per mia mamma che soffre di fibrillazione atriale da quattro anni, questo è il suo quadro clinico(fibrillazione permanente, dilatazione importante delle due camere atriali, insuff. Tricuspidale moderata e ipertensione polmonare moderata 50 MM HG, insufficienza mitralica lieve moderata ). Oltre alle cure che già faceva(tenoteric, iperten, lasix, zopranole sivastin )il cardiologo ha aggiunto il luvioned, e ha sostituito il sintrom da 1 mg con la nuova cura scoagulante pradax150mg 2 volte al giorno, sono un pò preoccupata perchè non si sa ancora molto di queste nuove cure , il cardiologo dice che per chi non ha un 'i. N. R. stabile è meglio iniziare questa nuova cura, ma mia mamma ha un'I. N. R. Che oscilla da 2, 50 ad un massimo di 3, 20. Le mie domande sono:è meglio aspettare che si abbiano più notizie su queste nuove cure?come si può monitorare la fluidità dal sangue con questo nuovo farmaco?Aggiungo inoltre che mia mamma è un soggetto abbastanza allergico!Grazie e spero di avere al più presto una risposta. (figlia un pò in ansia).

Risposta del 22 gennaio 2015

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Stia tranquilla. In realtà, quel farmaco non è così " nuovo " come dice lei. E' già molto ben conosciuto in molti campi della medicina e della chirurgia, soprattutto ortopedica. E' un farmaco molto meglio maneggevole rispetto agli altri anticoagulanti e non richiede controlli.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Cuore circolazione e malattie del sangue




Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube