Fibrillazione atriale

15 gennaio 2016

Fibrillazione atriale




12 gennaio 2016

Fibrillazione atriale

Salve, scrivo per mio padre.

Il 1 gennaio si è sentito male, battiti accellerati a 120 (li porta sui 40 di solito) e di corsa in ospedale.

"fibrillazione atriale" ci hanno detto, che dopo qualche ora è passata da sola. Mio padre era stato già operato per " tagliare" dei filamenti come ci avevano detto e prendeva sequacor tutti i giorni e cardiospirina all'occorrenza. In ospedale gli hanno detto di prendere la cardiospirina ogni giorno. Domenica si è sentito male di nuovo, battiti a 138 e ambulanza subito. Hanno usato un farmaco per rallentare i battiti e l'hanno mandato a casa. Ci siamo rivolti ad un cardiologo e oggi ha fatto la prima visita, risultato: " Ventricolo sinistro moderatamente ipertrofico, con ipocinesia della porzione media della parete posteriore, diametri cavitari ai limiti della norma; funzione sistolica globale conservata (fe 55% ). Atrio sinistro severamente dilatato. Cavità destre nella norma. Lembi mitralici lievemente ispessiti, mobili, determinati lieve rigurgito, visualizzato al colordoppler, inoltre al colordoppler lieve rigurgito tricuspidalico" c'è da preoccuparci? lei cosa consiglia? Grazie

Risposta del 15 gennaio 2016

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


No, non c'è da preoccuparsi. L'atrio sinistro è dilatato perché la valvola mitrale non chiude bene. Vorrei conoscere quale terapia le ha prescritto il cardiologo.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Cuore circolazione e malattie del sangue




Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube