Frattura cervicale e basket

27 gennaio 2007

Frattura cervicale e basket




24 gennaio 2007

Frattura cervicale e basket

Ho subito una frattura (a goccia) del rachide cervicale anteriore di c5, per un tuffo in acqua bassa. Per fortuna non ci sono state conseguenze neurologiche, mai accusato dolori o disturbi. Dopo tre mesi di minerva e tre di philadelphia, il mio dottore dice che potrei non avere bisogno di fisioterapia.
Vorrei sapere se questa indicazione ha un senso e, poichè sono un giocatore di pallacanestro di 24 anni, quali sono di solito i tempi per la ripresa dell'attività.
Grazie,
Carlo.

Risposta del 27 gennaio 2007

Risposta a cura di:
Dott. PAOLO TEDESCO


Dopo una immobilizzazione così prolungata, penso sia assolutamente utile programmare una adeguato trattamento di fisiokinesiterapia, che sia programmata con l'obiettivo della ripresa degli allenamenti e dell'attività agonistica. Non è pensabile - dopo 6 mesi di immibilizzazione al collo - di tornare a giocare, come nulla fosse successo. Inoltre, va sottolineato che la ripresa dell'attività agonistica è condizionata anche dalla necessaria preparazione atletica di tutto l'organismo.
dott. Paolo Tedesco

Dott. Paolo Tedesco
Casa di cura convenzionata
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia plastica ricostruttiva
Specialista in Ortopedia e traumatologia
VENEZIA (VE)

Ultime risposte di Scheletro e Articolazioni


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube