Frattura dell'astragalo

13 giugno 2013

Frattura dell'astragalo




11 giugno 2013

Frattura dell'astragalo

Frattura composta e piccola con distorsione della caviglia, che mi ha comunque obbligata ad una ingessatura per 35 giorni. Successivamente mi sono messa nelle mani di un fisioterapista, il quale mi ha anche fatto fare 7 Tecar. Sembrava che andasse tutto bene (o quasi ), ma invece il piede mi fa male e di giorno è sempre gonfio. Cerco di evitare la sedenterietà ;, ma non so se faccio bene o male. Cosa posso fare per " guarire"? Grazie

Risposta del 13 giugno 2013

Risposta a cura di:
Dott. PASQUALE PRISCO


Gentile signora,
se ho capito, lei ha subito una frattura dell'astragalo, trattato giustamente con una immobilizzazione.
Non capisco invece perchè non sia ricorsa alle cure dell'ortopedico o del fisiatra anche per la ripresa funzionale.
Il fisioterapista è una figura importante nella sanità, come il tecnico di radiologia o di laboratorio analisi, ma non è deputato a fare prescrizioni.
In questo caso poi la TECAR sarà di moda, ma non è indicata. Pratichi rieducazione motoria e mobilizzazione attiva assistita del collo del piede e se non siamo in ritardo, avrà una buona ripresa.
Saluti

Dott. Pasquale Prisco
Specialista in Ortopedia e traumatologia
Torre Annunziata (NA)

Ultime risposte di Scheletro e Articolazioni

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa