Frattura tibia e perone

14 novembre 2014

Frattura tibia e perone




11 novembre 2014

Frattura tibia e perone

A seguito di frattura della tibia e perone subita il 17. 9. scorso, sono stata operata e ho dovuto tenere la stecca gessata per 35 giorni. Il 27. 10. la stecca è stata tolta, mi hanno fatto mettere il tutore Aircast e di nuovo riposo con la gamba in scarico. Il 4. 11. mi è stata tolta la vite in d. H. e alla dimissione mi è stato detto deambulare con stampelle, di caricare al 30%, (ma non mi hanno spiegato molto bene cosa devo fare), con tutore Aircast e quindi fare fisioterapia mobilizzaz. attiva e passiva immediata e intensa della tt. Siccome non ci ho capito molto, e la visita con il fisiatra è fissata al prossimo 17. 11, mentre aspetto, posso fare qualche esercizio a casa? E cosa vuol dire caricare al 30%? Devo stare sempre con la gamba in scarico? Grazie della cortese risposta

Risposta del 14 novembre 2014

Risposta a cura di:
Dott. PASQUALE PRISCO


gentile paziente,
caricare al 30% significa appoggiare solo il 30% del peso del copo, al suolo, poggiando solo leggermente l'avampede.
Gli esercizi migliori sono quelli " attivi-assistiti" cioè mobilizzare le articolazioni dell'arto fratturato con un terapista che sercita con le mani una resistenza dosata al movimento che lei compie.

Spero di esserle stato utile.
Saluti

Dott. Pasquale Prisco
Medico Ospedaliero
Specialista convenzionato
Specialista in Ortopedia e traumatologia
Torre Annunziata (NA)

Ultime risposte di Scheletro e Articolazioni


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube