Ggt molto elevato

16 gennaio 2016

Ggt molto elevato


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


14 gennaio 2016

Ggt molto elevato

Ho effettuato esami del sangue 3 volte nel giro di un anno (senza sintomatologie specifiche) che hanno fatto rilevare i seguenti valori

gennaio 2015: GGT 94

settembre 2015: GGT 154

gennaio 2016: GGT 135

Tra il settembre 2015 e il gennaio 2016 ho assunto BIO TAD Plus sul consiglio del mio medico di base.

Inoltre, per l'intero mese di dicembre, ho assunto antiinfiammatori per curare una lombalgia.

Assumo pochissimo alcool (niente vino a pranzo durante la settimana, 1/2 bicchiere alla sera ). Nei fine settimana 1 bicchiere a pranzo 1/2 a cena. Saltuariamente 1 birra da 50 al sabato con la pizza. Consumo significativo di formaggi e derivati del latte in genere.

Mi è stato consigliato di continuare con il BIO TAD Plus visto il trend positivo: è sufficiente o è opportuno effettuare altri controlli?

Grazie

Risposta del 16 gennaio 2016

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


L'assunzione di farmaci può essere spesso sufficiente per alzare i valori della gamma-GT, ma da settembre a gennaio (quando ha preso gli antinfiammatori ), il valore non è aumentato. Completi gli accertamenti con una ecografia, ma viva tranquillo, perchè il il solo valore un po'i aumentato della GGT, con gli altri enzimi epatici normali, non ha un significato clinico importante.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Fegato

Tags:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Fegato sotto attacco virale
Fegato
02 agosto 2020
Notizie e aggiornamenti
Fegato sotto attacco virale
Qual è il tuo rapporto con le bevande alcoliche?
Fegato
27 luglio 2020
Quiz e test della salute
Qual è il tuo rapporto con le bevande alcoliche?
Giovani e abuso di alcol: a risentirne è il fegato
Fegato
07 dicembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Giovani e abuso di alcol: a risentirne è il fegato