Idroureteronefrosi

04 aprile 2007

Idroureteronefrosi




01 aprile 2007

Idroureteronefrosi

Mio figlio F. è nato il 13 Gennaio 2007. Già durante la gravidanza, con l'ecografia, il ginecologo aveva messo in evidenza un ingrandimento del bacinetto renale dx. Sia il ginecologo che il neonatologo, dopo la nascita di F. , hanno minimizzato il problema, tant'è che l'eco reni l'abbiamo fatta il 20 Marzo 2007, data in cui la ASL di Chieti ci ha dato l'appuntamento, con il seguente esito: “Rene dx in sede, diametro longitudinale 5, 53 cm con quadro di idronefrosi III° - IV° grado(diametro A. P. Pelvi 2. 17 cm) Rene sin in sede diametro longitudinale 4, 94 cm con ecostruttura normalmente rappresentata e lieve pielectasia(diametro A. P. Pelvi 0, 5 cm). Si consiglia monitoraggio sterilità delle urine ogni 4 settimane ed approfondimenti diagnostici. CUM “ Il 23 Marzo, presso il reparto di Chirurgia Pediatrica dell'Ospedale di Pescara, è stato sottoposto ad ecografia renale e delle vie urinarie ed alla cistosonografia con mdc con il seguente esito: Valutazione topografica renale: normale per entrambi Dimensioni renali: normali per il sin. ed aumentate per il dx Differenziazione cortico-midollare: normale per entrambi Doppio distretto: assente per dx e sin Ecostruttura renale: normale a dx e sin Pelvi: dilatata 32 mm a dx e 6 mm a sin Spessore parenchimale: normale a sin, ridotto a dx(9 mm) Classificazione della Society for Fetal Urology: Grado IV a dx e Grado I a sin Vescica piena – spessore parietale pre minzione 2 mm, postminzione 4 mm Ureteri prox dilatato dx mm 14, dist dilatato dx mm 16 sin mm 6 Cistosonografia: dopo introduzione di mdc in vescica non si osservano rvu sia in fase attiva che passiva. Doppler vasi renali I. R. Dx 0, 77 Conclusioni: idroureteronefrosi destra di IV° grado con quota parenchimale ridotta. Idroureteronefrosi sinistra di I° grado. Assenza di reflusso vescico-ureterale bilateralmente. Per quello che ho capito io il Medico che ha eseguito l'esame ha detto che l'uretere dx termina a coda di topo nella vescica e ciò sarebbe dovuto ad un ritardo di differenziazione/accrescimento di quel segmento. Siamo in attesa di eseguire la Scintigrafia per valutare la funzionalità renale ed intanto ci hanno consigliato di mettere in profilassi con Augmentin, F. , con 100 mg al di per 20 gg e poi per 7 gg nulla ed al 7° eseguire la urinocoltura con antibiogramma. La Chirurgia Pediatrica di Pescara vorrebbe far trascorrere circa un anno s. C. ed operare il bimbo se il problema non si risolve da solo. Gradirei un Suo commento su quanto esposto. Vorrei anche sapere se, in caso di intervento chirurgico, ci sono in Italia centri specializzati e particolarmente affidabili. E. B. – Chieti

Risposta del 04 aprile 2007

Risposta a cura di:
Dott. GIOVANNI BERETTA


Caro lettore,
mi sembra che suo figlio sia ben seguito e ben monitorizzato e, da quello che ci scrive, sia le valutazioni diagnostiche che quelle terapeutiche siano condivisibili e corrette. Il consiglio che le posso dare e di continuare a seguire con fiducia ed attentamente tutte le indicazioni che le verranno date.
Un cordiale saluto.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)

Ultime risposte di Salute maschile


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube