Insensibilità congenita al dolore

13 ottobre 2004

Insensibilità congenita al dolore




09 ottobre 2004

Insensibilità congenita al dolore

E' possibile attualmente effettuare un intervento chirurgico che interrompa la connessione tra midollo spinale e le diverse strutture encefaliche portando così il paziente nella medesima condizione clinica delle persone colpite da " insensibilità congenita al dolore " ? Quali sono, se ci sono, le difficoltà di tale intervento ? Rappresentano un costo di operazione e degenza elevato ? per impedire che dal midollo spinale partano i messaggi di dolore provenienti dalle terminazioni nervose libere che appartengono a fibre mieliniche A di piccolo diametro ed a fibre amieliniche di tipo C ( impedendo di conseguenza che i sintomi dolorosi giungano direttamente alle diverse strutture encefaliche )causando pertanto una situazione identica a quella che colpisce le persone con " insensibilità congenita al dolore " ?

Risposta del 13 ottobre 2004

Risposta a cura di:
Dott.ssa MILENA DE MARINIS


Non è chiaro il disturbo che la porta a fare il suo quesito. Forse una patologia che provoca dolore. La interruzione dei rapporti tra midollo e cervello sarebbe come "tagliare la testa" ad un soggetto; è quindi improponibile che si possano disconnettere anatomicamente le due strutture.
E' invece possibile agire a livello midollare o centrale per lenire il dolore in diversi modi.
Riformuli la domanda e spieghi concretamente quali sono i suoi problemi clinici, se vuole avere una indicazione terapeutica sensata.

Prof. Milena De Marinis
Universitario
ROMA (RM)

Ultime risposte di Mente e cervello




Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa