Intestino irregolare

22 aprile 2015

Intestino irregolare




17 aprile 2015

Intestino irregolare

egregio, Prof. ho seguito la sua intervista e mi sono riscontrata in tutto quello che ha detto solo vorrei da lei una conferma. Premetto che alla nascita mia madre ha temuto di perdermi per le diarree emorragiche che avevo, ma poi comunque risolte e sono cresciuta bene o male a fasi alterne. Da qualche hanno dopo esami ho eliminato il latte per l'intolleranza, ma questo non è bastato, per anni al mattiino appena sveglia dovevo svuotare l'addome dai gas accumulati dopodichè evacuavo feci sempre molli. Ho deciso da sola di elimimare il glutine anche se dagli esami non risultava nulla e la situazione è cambiata, non ho più gas le feci sono quasi normali non ho più dolori addominali. dimenticavo avevo anche forti extrasistole durante la digestione, adesso che la situazione è migliorata devo attribuire alla Celiachia i disturbi? e c'è la possibilità di accertarlo con ulteriori indagini diverse da quelle che ho fatto precedentemente? ho anche fatto qualche anno fà una gastroscopia per l fastidi che avevo e mi hanno riscontrato un reflusso ed una Ernia iatale. Devo ripetere anche la gastroscopia o devo lasciare le cose come stanno e continuare con questa alimentazione che mi fa sentire meglio senza approfondire le indagini? se non viene diagnosticata la Celiachia come fare per avere una certificazione ai fini assistenziali? devo fare la mappa cromosomica? La ringrazio rosaria

Risposta del 22 aprile 2015

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Le extrasistoli possono essere correlate con l' ernia iatale e il relativo reflusso, quindi è opportuno che inizi una cura per quest' ultimo, se ancora non l ' ha fatta. Non è il caso che ripeta la gastroscopia, perché non vedrebbe nulla di nuovo. Continui con la dieta priva di glutine. Se, come dice, tutti gli esami sono normali, lei appartiene a quella categoria di persone classificate come " gluten sensitivity ". Purtroppo per questa situazione non è, o non è ancora prevista un ' assistenza da parte del SSN. E' necessario l' esame istologico dei villi duodenali, ma i suoi apparirebbero normali, con la dieta.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Stomaco e intestino


Vedi anche:


Ultimi articoli
Rettorragia
26 novembre 2019
Sintomi
Rettorragia
Disbiosi intestinale: come si cura
22 novembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Disbiosi intestinale: come si cura
Cos’è la disbiosi intestinale
15 novembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Cos’è la disbiosi intestinale
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube