Linfonodo ascellare

02 aprile 2006

Linfonodo ascellare




30 marzo 2006

Linfonodo ascellare

Mia madre ha 48 anni, è stata operata di cancro allo stomaco ad aprile 2005, ha finito la terapia ad ottobre con successo, perchè le analisi che ha fatto come tac, pet, non riscontrano nulla. Ma ha fatto in contemporanea un ecografia ascellare, per dei disturbi e le hanno trovato un linfonodo. Può essere motivo serio di una ripresa della malattia?

Risposta del 02 aprile 2006

Risposta a cura di:
Prof.ssa VIRGINIA CIROLLA


Gentile utente e' una evenienza assai ricorrente l'attivarsi di linfonodi anche della catena ascellare dopo periodi di particolare attivita' immunologica come puo ' essere un tumore allo stomaco che ci riferisce di interesse della sua mamma.
I colleghi non e' che hanno trovato un linfonodo: i linfonodi sono presenti ache in un organismo sano, soltanto che si refertano ecograficamente nei periodi di infiammazione o maggiore stimolo immunologico.
Le consiglio di ripetere una ETG MAMMARIA BILATERALE MIRATA ALLO STUDIO DEL CAVO ASCELLARE subito, per controllare meglio se trattasi di infiammazione o di linfonodi sclerolipomatosi di vecchia data rilevati solo ora.
E' fondamentale ricorrere sempre allo stesso operatore radiologico, per continuita' con i protocolli di PREVENZIONE SENOLOGICA.

DOTT. VIRGINIA A. CIROLLA

UNIVERSITA' LA SAPIENZA DI ROMA

Dott. Ssa virginia cirolla
Ricercatore
Universitario
Specialista in Oncologia
ROMA (RM)

Ultime risposte di Cuore circolazione e malattie del sangue


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube