Macchie (lesioni iperpigmentate) al tronco .

11 febbraio 2007

Macchie (lesioni iperpigmentate) al tronco .




08 febbraio 2007

Macchie (lesioni iperpigmentate) al tronco .

Sono una ragazza ucraina di 38 anni che vive da due in Italia. Nel mese di Giugno dell'anno scorso ho avuto un lieve dimagrimento accompagnato anche da una febbricola persistente (specie nelle ore serali) e inoltre sono comparse sull'adome delle chiazze di colore scuro di circa 3 -4 cmq. Sono stata visitata da un deramtologo il quale ha ritenuto opportuno fare degli esami diagnostici. Dagli esami praticati si è evidenziato solo un valore del TAS molto elevato (3960 Ul/ml). Il dermatologo ha consigliato subito un ricovero presso un reparto di ematologia per approfondire gli esami. Sono stata ricoverata e ho praticato tutti gli accertamenti del caso che hanno evidenziato un valore del TAS a 308 e una VES a 27 mm/h. La diagnosi di dimissioni ha fugato ogni dubbio circa il sospetto di LNH e consigliato un controlo ORL. Sono stata visitata dall'otorino il quale non ha riscontrato nulla di patologico e mi ha consigliato un ciclo di antibiotico (Augmentin) e un controllo odontoiatrico. Anche dal controllo dentistico non si è evidenziato nulla di patologico. Ho fatto controlli del valore TAS a cadenza mensile e il suo valore è sempre stato alto e compreso tra 300 e 360 come pure alterato è sempre stato il valore della VES (intorno a 20). Ultimamente è comparso sulle palpebre una specie di eczema che qualche volta emetta anche delle scagliature bianche e una chiazza rossastro e a livello del collo, noltre sono comparse altre macchie a livello dell'addome. Sono stata visitata da un altro dermatologo il qiuale mi ha consigliato di applicare sulle palpebre e sul collo la pomata FLIxoderm e di fare una biopsia cutanea per quanto riguarda le chiazze sull'addome. Ora praticherò questi nuovi accertamenti e vorrei infine porle la mia domanda: E' vero che spesso il valore del TAS alto, la febbricola persistente (ancora oggi spesso ho la temperatura intorno a 37- 37, 2) la comparsa di queste macchie sulle palpebre e sull'addome sono precursori o meglio campanelli d'allarme per malattie ematiche? Vivo con tanta angoscia e aspetto vostra risposta:

Risposta del 11 febbraio 2007

Risposta a cura di:
Dott. LUIGI LAINO


Gentile utente,

non viva nell'angoscia, ma cerchi di capire assieme al deramtologo di che si tratta: la sua supposizione delle sue lesioni con malattie ematologiche è fantasiosa allo stato attuale: potrebbe trattarsi di qualcosa di molto più apporcciabile, ma le consiglio una nuova visita per chiarire quello che potrebbe essere (dalla descrizione che fa del suo caso) una situazione molto più semplice.

non le consiglio di applicare la pomata corticosteroidea prima di una eventuale biopsia: il quadro si potrebbe alterare significativamente rendendo inutile il prelievo bioptico. .

Ci faccia sapere ed a sua disposizione per ulteriori consigli.

Segrereteria info: 06. 70. 49. 78. 13

Dott. Luigi Laino
Ricercatore
Specialista in Dermatologia e venereologia
ROMA (RM)

Ultime risposte di Pelle




Vedi anche:
Ultimi articoli
Orticaria, come riconoscerla
31 agosto 2020
Notizie e aggiornamenti
Orticaria, come riconoscerla
Meduse: le strategie giuste se si viene colpiti
17 agosto 2020
Notizie e aggiornamenti
Meduse: le strategie giuste se si viene colpiti
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa