Molare mancante

04 settembre 2008

Molare mancante




02 settembre 2008

Molare mancante

Buongiorno, ecco la mia domanda: ho 43 anni e ho dovuto estrarre il molare inferiore sx e mi è stato consigliato un impianto. il premolare sx inferiore, così come molare e premolare superiore sx hanno subito otturazioni ma "funzionano"; io mastico correttamente. Quindi nel presente per come mi sento io potrei veramente farne a meno di un impianto. Chiedo un consiglio, pensando anche al futuro. Fare un impianto adesso è necessario? Se aspetto qualche anno cambia qualcosa? Se manca un dente naturale e rimane lo spazio vuoto, si può compromettere in qualche modo la gengiva in vista di un futuro impianto? Grazie mille per la risposta
E.

Risposta del 04 settembre 2008

Risposta a cura di:
Dott. ALBERTO PALATTELLA


quando abbiamo una modificazione che riguarda l'apparato stomatognatico(la bocca e suoi componenti)come per esempio la perdita di un dente, bisogna immediatamente ripristinarla, poichè con il passare del tempo si andrebbe incontro a modificazioni che possono creare delle malocclusioni(un dente si perde e l'antagonista scende o sale se superiore od inferiore), in più l'alveolo senza dente perde la funzione e si riassorbe, di conseguenza avremmo una perdita ossea ed il posizionamento tardivo dell' ìmpianto non sarebbe più possibile se non dopo aumento osseo. .
quindi il consiglio migliore è quello di posizionare immediatamente un'impianto per non creare problemi fUTURI. .

Dott. Alberto Palattella
Specialista attività privata
Ricercatore
Universitario
Odontoiatra

Risposta del 04 settembre 2008

Risposta a cura di:
Dott. ALESSANDRO ROMANO


oggi, quando si estrae un dente, --se è possibile--, si interviene immediatamente ponendo in essere un impianto in titanio adatto per quella situazione, nella stessa seduta, con il consenso del paziente.

la deduzione è semplice: con un solo atto terapeutico ottengo due risultati e con la stessa anestesia.

Se non si fà nulla, i l dente distale a quello estratto incomincerà ad inclinarsi in avanti, spostando il piano occlusale e creando con il tempo un danno parodontale notevole ( una profonda tasca ossea).

Nello stesso tempo i denti antagonisti incominceranno a spostarsi in relazione all'estrazione ed eventualm. ad allungarsi dove non troveranno appoggio.

Naturalmnte la decisione di fare subito o poi è condizionata da molti fattori, non ultimo quello economico, lo capisco. saluti

Dott. alessandro romano
Specialista attività privata
Ricercatore
Odontoiatra
Specialista in Chirurgia maxillo facciale
Specialista in Odontoiatria
ROMA (RM)

Ultime risposte di Malattie infettive




Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube