Obesita' e stress

04 maggio 2002

Obesita' e stress




Domanda del 02 maggio 2002

Obesita' e stress


Mio marito ha 37 anni ed è molto in sovrappeso (100 kg per 1.70 mt). Nell'ultimo anno abbiamo avuto diversi problemi sia lavorativi che famigliari che comunque sono stati risolti per il meglio ma lui continua a mangiare come se non mangiasse mai e soprattutto ha delle esplosioni d'ira spesso immotivate ed incontrollabili? Mio suocero era diabetico e cardiopatico. Cosa mi consiglia? Grazie
Risposta del 04 maggio 2002

Risposta di MAURO MILARDI


Il sovrappeso è sicuramente un ulteriore fattore di rischio, vista la familiarità delle problematiche diabetiche e vascolari. Anche il fatto di avere uno stile di vita "aggressivo" non sembra essere una modalità di vita che riduca i rischi per la salute. Probabilmente le difficoltà recenti hanno un pò stressato suo marito, cosa comprensibile. Visto che adesso tutto è stato appianato perch‚ non provare a riflettere se è possibile inserire qualche cambiamento nel vostro stile di vita ? Darsi tempi di lavoro compatibili con un minimo di attività fisica, ad esempio. Trovare spazi di passatempi piacevoli e rilassanti, magari per una uscita di voi due assieme la domenica o nel fine settimana, ecc.

Dott. MAURO MILARDI
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata



Il profilo di MAURO MILARDI
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Ultime risposte di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Disturbi dell'apprendimento, dieci punti per capire
Mente e cervello
19 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Disturbi dell'apprendimento, dieci punti per capire
Sindrome di Asperger: graphic novel sulla vita quotidiana di una ragazza
Mente e cervello
16 settembre 2018
Libri e pubblicazioni
Sindrome di Asperger: graphic novel sulla vita quotidiana di una ragazza
I ragazzi balbuzienti sono più a rischio di bullismo
Mente e cervello
13 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
I ragazzi balbuzienti sono più a rischio di bullismo