Orgasmo

29 settembre 2005

Orgasmo




25 settembre 2005

Orgasmo

Ho avuto il mio primo rapporto sessuale circa due mesi fa. Inizialmente non provavo alcun piacere, soltanto un dolore intenso che si è protratto per settimane (per penetrarmi completamente ci sono voluti giorni e giorni) Ora questo problema sembra essersi risolto, durante la penetrazione non sento più alcun dolore. Il problema è che, sebbene io e il mio ragazzo abbiamo rapporti piuttosto frequenti, in tutto questo tempo io non sono ancora riuscita a raggiungere un orgasmo (nè vaginale nè clitorideo) Non posso essere frigida perchè provo molto piacere durante l'atto (maggiormente se mi viene stimolato il clitoride piuttosto che durante la penetrazione, però) Potrebbe essere un problema psicologico? Mi consiglia di farmi visitare da un ginecologo o di rivolgermi direttamente ad un sessuologo? Sono molto innamorata del mio ragazzo, e credo di essere piuttosto rilassata mentre facciamo l'amore. . . non capisco quale sia il problema. Comincia quasi ad infastidirmi il fatto che lui riesca a raggiungere l'orgasmo anche tre volte nell'arco di un pomeriggio e io nemmeno una. Aggiungo che lui soffre un pò di eiaculazione precoce (per questo siamo costretti sempre a farlo minimo due volte di seguito, oppure come prima volta cerco di farlo venire manualmente o oralmente) La cosa peggiore di tutto ciò è che quando finiamo io sto fisicamente male, nel senso che mi trovo ancora in stato di forte eccitazione e vorrei ricominciare da capo. E' come se tutta l'eccitazione che accumulo durante i preliminari (maggiormente) che durante il rapporto, mi implodesse dentro quando lui raggiunge l'orgasmo. E sento di non poter mai finire quello che ho cominciato. Non posso attribuirgli alcuna colpa, però, perchè è bravissimo. . . fa quanto in suo potere per farmi stare bene durante quei momenti. Lo desidero tantissimo eppure ogni volta che facciamo l'amore non riesco a fare a meno di pensare che non ci riusciremo mai nemmeno questa volta. Così entrambi ci auto-incolpiamo della cosa e ancora non siamo riusciti a risolvere questo problema. Un'ultima cosa: durante la penetrazione provo più piacere se sto io sopra, perchè riesco a regolare meglio i movimenti e a far sì che ci sia anche stimolazione del clitoride. . il problema è che quando sembra stia andando bene, lui viene. Pur piacendomi, quando si mette lui sopra provo minor piacere, non so a cosa sia dovuto. Ho provato a masturbarmi diverse volte, per capire se è un problema fisico, e invece da sola riesco ad arrivare all'orgasmo! Ad ogni modo ho intenzione di farmi visitare. Grazie in anticipo per la risposta.

Risposta del 29 settembre 2005

Risposta a cura di:
Dott. GIOVANNI BERETTA


In questi frangenti bisogna avere pazienza. Spesso coppie appena formate, come la vostra, hanno questi problemi che col tempo e con una reciproca buona comunicazione generalmente si risolvono da soli. Se la precocità all'eiaculazione del suo ragazzo dovesse comunque continuare sarà bene sentire il parere di un sessuologo o di un andrologo. Cordiali saluti

Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)

Ultime risposte di Sessualità


Vedi anche:


Ultimi articoli
Sesso in gravidanza: come e quando
18 febbraio 2020
Notizie e aggiornamenti
Sesso in gravidanza: come e quando
AIDS e infezione da HIV
02 maggio 2019
Patologie mediche
AIDS e infezione da HIV
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube