Ossiuri: albendazolo con contagio non certo?

12 settembre 2014

Ossiuri: albendazolo con contagio non certo?




06 settembre 2014

Ossiuri: albendazolo con contagio non certo?

Salve,

Sono uno studente universitario e questa mattina il mio coinquilino mi ha informato di essere affetto da ossiurasi. Mi ha detto che anch'io dovrei seguire la terapia perché potrei esser stato contagiato, quindi mi ha consegnato lo stesso medicinale che dovrà assumere lui. Si tratta di ZENTEL 400mg, con principio attivo albendazolo. Mi ha detto di prenderne una compressa subito e l'altra tra due settimane. Ho provato a contattare il mio medico, ma oggi è sabato e nel fine settimana non risulta reperibile.
Quindi chiedo, devo davvero assumere il medicinale suddetto come precauzione, senza nessuna evidenza di essere stato contagiato (al momento )? Inoltre, gli eventuali effetti collaterali sono particolarmente rilevanti?
Concludo specificando che non ho nessuna allergia o intolleranza, né malattie croniche o altro.

Grazie mille per l'attenzione!

Risposta del 12 settembre 2014

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Prima di assumere il farmaco, faccia fare un esame delle feci. Non è detto che abbia anche lei gli ossiuri.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Stomaco e intestino




Vedi anche:
Ultimi articoli
Colite ulcerosa
14 aprile 2020
Patologie mediche
Colite ulcerosa
Un batterio per amico
21 febbraio 2020
Quiz e test della salute
Un batterio per amico
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube