Paura delle finestre

30 agosto 2005

Paura delle finestre




20 luglio 2005

Paura delle finestre

Gentili dottori, sono una ragazza di 29 anni. In passato ho sofferto di attacchi di panico dovuti a dei conflitti irrisolti che, con l'aiuto di una terapeuta ho risolto. Gli attacchi all'epoca si presentavano soprattutto la notte a letto con formicolii agli arti, senso di svenimento, testa piena di pensieri confusi e soprattutto terrore di potermi buttare dalla finestra (al punto che anche d'estate la tenevo chiusa ).
Tutto ciò accadeva 5 anni fa, da allora sono stata molto meglio anche se continuo ad essere un tipo ansioso. . . ma tutto nella norma.
L'altro giorno però ho avuto un altro episodio e mi sono spaventata parecchio, tanto da far quasi tornare la paura della paura, ahimè.
Ciò che vorrei capire principalmente è perchè le mie paure si risvegliano nelle ore notturne, provo quasi angoscia ad andare a letto ma non so se ciò sia la causa o l'effetto. Vorrei capire cosa significa questo terrore di buttarmi nel vuoto, so che non lo farò mai ma ho paura di perdere il controllo e/o farlo nel sonno.
Aggiungo a tutto ciò il fatto che spesso soffro di pavor nocturnus e ho sofferto di sonnambulismo.
Infine traccio un'analisi della mia vita attuale: lavoro 8 ore al giorno, mi sto per laureare e studio come una matta, sto mettendo su una casa col mio fidanzato.
Non vedo infatti l'ora di andare a vivere per conto mio e di avere dei figli, ciò mi fa soffrire parecchio perchè mi sento già vecchia e indietro.
Vorrei slegarmi dai miei genitori perchè è arrivato il momento di volare da sola ma, per impedimenti burocratici edilizi non riesco ancora a farlo. . . . tutto ciò mi mette tanto malumore.
Il tempo passa e io non riesco ad avere una vita mia. . . . . può esserci qualche connessione con il ritorno della mia Ansia?

Scusate la lunghezza e grazie mille

Risposta del 30 agosto 2005

Risposta a cura di:
Dott. MARCO SCALI


I disturbi di Attacco di Panico possono presentarsi in qualsiasi ora del giorno o della notte ed anche durante il sonno.
Quindi quando parla di pavor nocturnus probabilmente già quelli erano attacchi do panico notturni.
Al momento attuale credo che Lei debba iniziare una terapia farmacologica usano SSRI, terapia che dovrà essere continuata per almeno 6-8 mesi dopodichè iniziare a scalarla.

Dott. Marco Scali
Medico Ospedaliero
Specialista in Psichiatria
CIVITANOVA MARCHE (MC)

Ultime risposte di Mente e cervello


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube