Pressione arteriosa e conseguenze ictus

21 novembre 2007

Pressione arteriosa e conseguenze ictus




18 novembre 2007

Pressione arteriosa e conseguenze ictus

Buongiorno! Sono una ragazza di 23 anni. Giovedì 8 novembre mia mamma (56 anni), ha avuto un ischemia e un ictus transitorio. Erano alcuni giorni che aveva la pressione molto alta, fino a che quella mattina ha raggiunto il livello di 170-110. Giovedì 15 novembre è stat dimessa dall'ospedale, le hanno dato da prendere l'Enapren da 10, il Plavix e il Mepral. Sono però due giorni che continua ad avere la pressione un pò alta: oggi per esempio ha 159-90. I medici dicono che è normale perchè dopo quello che ha avuto i valori devono stabilizzarsi. Volevo chiedre se è possibile e, se quello che ci dicono i medici è attendibile. La ringrazio per la sua attenzione. (I dati che riporto qui di seguito sono quelli di mia mamma).

Risposta del 21 novembre 2007

Risposta a cura di:
Dott. GIOVANNI MIGLIACCIO


I valori pressori devono essere mantenuti nel range tra 140 di Max e 80 di Min. con la assunzione di farmaci adatti.
Se un farmaco non funziona bisognerà cambiarlo e un buon cardiologio lo saprà fare.

Cordialità

Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)

Ultime risposte di Mente e cervello




Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa