Problemi circolatori

02 marzo 2005

Problemi circolatori




Domanda del 25 febbraio 2005

Problemi circolatori


Salve, Come posso capire se ho dei problemi vascolari al pene? Quali potrebbero essere i sintomi? Sono risolvibili in breve tempo? Necessita una cura farmaceutica o un intervento? Faccio queste domande perchè da qualche tempo con la mia partner faccio fatica a mantenere l'erezione e allo stesso tempo mi cala drasticamente la libido e mi passa completamente la voglia di continuare il rapporto.... chiaramente questo comincia a rendermi nervoso e mi crea problemi paranoici.... forse dipende dal fatto che la nostra relazione è difficile e che ci vediamo solo 2 volte al mese?? Oppure perchè dipende dal fatto che la mia partner è pù "vecchia di me" di 12 anni?? Non so neanche io a cosa pensare.... potreste darmi una mano?? Se mai avessi bisogno di un andrologo, sapete dirmi se è possibile trovarne uno in Bergamo?? Veramente grazie.
Risposta del 02 marzo 2005

Risposta di GIOVANNI BERETTA


Un disturbo all'erezione è già potenzialmente un indizio di un possibile disturbo vascolare. Le consiglio di consultare un andrologo che saprà indicarle le indagini e le terapie più mirate.Cordiali saluti.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
FIRENZE (FI)



Il profilo di GIOVANNI BERETTA
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Ultime risposte di Sessualità



Potrebbe interessarti
Amore al capolinea
Sessualità
26 gennaio 2018
Notizie e aggiornamenti
Amore al capolinea
Millennial e baby boomer: stesso atteggiamento verso la contraccezione
Sessualità
16 gennaio 2018
Notizie e aggiornamenti
Millennial e baby boomer: stesso atteggiamento verso la contraccezione
Violenza sulle donne: non riconosciuta dagli operatori in pronto soccorso
Sessualità
04 dicembre 2017
Notizie e aggiornamenti
Violenza sulle donne: non riconosciuta dagli operatori in pronto soccorso