Prostata ingrossata

22 ottobre 2020

Prostata ingrossata




17 ottobre 2020

Prostata ingrossata

Salve Dottore io lo scorso anno mi si è bloccata la prostata e ho dovuto mettere il catetere dopo diverse disavventure sono andata dal dottore Di Giovanni di Crema e mi ha dato una cura che sto attuale facendo che funziona abbastanza bene prendo il Dutasteride la mattina e la sera il Benur. Ma purtroppo io faccio l’autista di bus. E mi capita ultimamente di farla spesso e poca e di non riuscire a trattenerla. Mi potrebbe aiutare

Risposta del 21 ottobre 2020

Risposta a cura di:
Dott.ssa FRANCA PAGLIA


Buongiorno
Vada dal suo medico
Curante
Per esporre il problema
Che risolverà con
Terapia adeguata

Dott. Ssa Franca Paglia
Specialista attività privata
Specialista in Ginecologia e ostetricia
COMO (CO)
Risposta del 22 ottobre 2020

Risposta a cura di:
Dott. GIOVANNI BERETTA


Gentile lettore,

un aumento del volume della ghiandola prostatica può scatenare questi sintomi che però dovrebbero regredire a seguito anche della terapia già indicatale.

Detto questo le ricordo che, quando sono presenti queste "problematiche urologiche”, possano essere utili alcune indicazioni anche di tipo dietetico-comportamentale:

1) vita sessuale regolare, non lunghi periodi di astinenza;

2) limitare l'assunzione di alcuni alimenti tipo cioccolato, uova, frutta secca, formaggi stagionati, ecc;

3) lo stesso vale per le bevande come il caffè, il tè, le bibite gassate od alcoliche;

4) altra cosa importante è bere con intelligenza ad esempio durante tutto l'arco della giornata sono consigliati almeno 2 litri di liquidi, soprattutto acqua (se non esistono altre controindicazioni di ordine generale), smettendo però di bere almeno tre-quattro ore prima di andare a letto;

5) combattere la stitichezza quindi fare una dieta ricca di fibre e praticare una regolare attività fisica;

6) se si fuma, spegnere la sigaretta perché la nicotina ha un'azione irritante sulla vescica;

7) tenere d'occhio la bilancia;

8) infine ultimo consiglio, ma non meno importante, quello di ascoltare sempre attentamente il proprio medico di famiglia e lo specialista urologo che la stanno seguendo.
Si ricordi ancora che sempre la visita medica specialistica diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare poi eventualmente, quando possibile, un’indicazione terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista attività privata
Specialista in Urologia
Specialista in Andrologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Rene e vie urinarie

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa