Radiografia polmonare

05 marzo 2007

Radiografia polmonare




02 marzo 2007

Radiografia polmonare

Scusi dottore, ma vorrei sapere xchè i medici di famiglia se gli si chiede una radiografia polmonare (sono fumatrice), rispondono che è inutile farla se non ci sono sintomi che facciano pensare a qualcosa ?? Dico medici xchè anche il medico di mia sorella risponde la stessa cosa. Io ho 49 anni e mi chiedo la prevenzione a che età comincia ? anche xchè spesso i sintomi si registrano quando ormai è troppo tardi ! e ho già 2 casi di conoscenti che non hanno mai avuto nulla e una ora vive con 1 polmone e per l'altra probabilmente non c'è più nulla da fare. Come comportarsi ? a parte cercare di smettere di fumare ? parlo di controlli. . . come li controlliamo i polmoni ?

Risposta del 05 marzo 2007

Risposta a cura di:
Dott. VINCENZO MARTUCCI


Gentile signora, la prevenzione inizia soprattutto con il non sottoporre i polmoni all'insulto devastante del fumo di sigaretta. Detto questo Le fornisco un'ulteriore informazione: lo sa quale può essere l'effetto collaterale di un'eccessiva esposizione ad esami radiografici? L'insorgenza di tumori! Dunque puo' facilmente comprendere come il medico di base non possa prescrivere con leggerezza questo genere di esami e preferisca insistere su altri fronti dove, spesso, incontra la resistenza dell'interessato. Nel Suo caso la "resistenza" si inferisce chiaramente dalla Sua affermazione conclusiva : "A PARTE. . . SMETTERE DI FUMARE". Questa che vorrebbe mettere "a parte", cara signora, è la prevenzione di gran lunga più efficace ed innocua. . . Altre così meravigliosamente efficaci e prive di effetti collaterali, purtroppo per Lei, non ne esistono, almeno al giorno d'oggi. Saluti

Dott. Vincenzo Martucci
Medico Ospedaliero
Specialista in Ematologia
UDINE (UD)

Ultime risposte di Malattie infettive


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube