Reflusso gastroesofageo

26 gennaio 2016

Reflusso gastroesofageo




25 gennaio 2016

Reflusso gastroesofageo

Portatore di Ernia iatale, dieci anni or sono ho sofferto di Esofagite erosiva. Da allora trattato con nexium 40. Le lesioni sono scomparse, ma i disturbi, sia pure attenuati, sono rimasti (senso di acidità che sale fino alla gola) Oggettivamente alla gastroscopia sembra tutto a posto (solo lievi note di Gastrite) ma i disturbi sono fastidiosi. Poichè mi è stato detto che la dose massima possibile di nexium è di 40 mg, chiedo se non fosse fattibile associare un farmaco di quelli che si usavano precedentemente
( tipo ranitidina ), allo scopo di ottenere un effetto cumulativo
Grazie

Risposta del 26 gennaio 2016

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Sì, si può rafforzare la terapia con il secondo farmaco che cita. Ma non so se nel suo caso ne valga la pena, dato che l'Esofagite è guarita. Prima provi ad aggiungere prodotti non farmacologici, come quelli a base di alginato e bicarbonato.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Stomaco e intestino




Vedi anche:
Ultimi articoli
Colite ulcerosa
14 aprile 2020
Patologie mediche
Colite ulcerosa
Un batterio per amico
21 febbraio 2020
Quiz e test della salute
Un batterio per amico
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube