Resenzione del retto e subocclusioni intestinali

01 marzo 2008

Resenzione del retto e subocclusioni intestinali




27 febbraio 2008

Resenzione del retto e subocclusioni intestinali

Buongiorno dottore, mio papà è stato operato nel febbraio 2005 al tumore del colon. L'intervento è andato bene e la malattia per il momento non si è più presentata. da un anno e mezzo però ha avuto 6 casi di ubocclusioni intestinali. I medici hanno detto che possono essere causate da aderenze o da un ansa scoperta dopo una colonscopia. Fin ora si sono sempre risolte con il ricovero e la flebo. Vorrei chiederle se sarebbe meglio che mio padre venisse sottoposto ad un ulteriore intervento per eliminare queste aderenze o finchè non sarà indispensabile farlo, andare avanti così. La ringrazio, buona giornata, Elisa

Risposta del 01 marzo 2008

Risposta a cura di:
Dott. GIUSEPPE D'ORIANO


Cara Elisa
Le valutazioni posssono essere fatte solo dopo aver ben esaminato gli episodi di subocclusione riferiti, importante e la valutazione dei referti(ancora meglio dei radiogrammi) delle dirette addome eseguite al momento della diagnosi di "subocclusione". Importante, ancora, è l'età del paziente, le condizioni generali e locali (es. Laparocele). Come è importante sapere, che una rilaparotomia(riapertura dell'addome), per rimuovere aderenze può essere causa di nuove aderenze.

Dott. Giuseppe D'Oriano
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia generale
NAPOLI (NA)

Ultime risposte di Malattie infettive

Tags:


Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa