Richiesta consulto

24 febbraio 2008

Richiesta consulto




20 febbraio 2008

Richiesta consulto

Egr. Dott. nel luglio 2007 mi comparvero degli episodi parossistici di parestesia tipo “scossa elettrica” alla superficie posteriore del braccio e della coscia, bilateralmente. In agosto è comparsa astenia con cedimento degli arti inferiori ed ipoestesia localizzata al III, IV, e V dito della mano bilateralmente. Nello stesso periodo comparivano rigidità ed impaccio motorio agli arti inferiori, impaccio motorio agli AASS con difficoltà nei movimenti fini delle mani, e comparsa di cloni. In data 18/09/2007 ho effettuato una risonanza magnetica che ha riscontrato una ernia discale in sede mediana e paramediana destra al passaggio C5-C6 con impronta sulla superficie ventrale del midollo, a tale livello il midollo presenta sfumata ipo-intensità di segnale nelle sequenze T2 pesate in rapporto ad edema. Era inoltre riconoscibile, in rapporto ad iniziali note spondilo-artrosiche e stenosi del canale vertebrale. In data 23/11/2007 sono stato sottoposto, in anestesia generale, ad intervento chirurgico di meniscectomia C5-C6, osteofisectomia ed innesto iliaco intersomatico secondo Dowel, per via anteriore. Rx cervicale di controllo ha documentato il buon esito dell’intervento. Ad ora, a quasi tre mesi dall’intervento, la situazione è senz’altro migliorata, permane una rigidità agli arti inferiori, che comunque riesco a coordinare meglio. Ho recuperato una parte di sensibilità alle dita della mano, ma ho notevoli difficoltà qualora provo ad intraprendere qualsiasi tipo di attività. In particolare mi è difficile lavorare al computer. Appena comincio a lavorarci, oltre a del bruciore e dolore muscolare al collo provocati dalla postura, mi provoca dolore insopportabile alle dita della mano desta (soprattutto al medio, anulare e mignolo), che accompagnato ad un vero e proprio gonfiore, permane per tutta la giornata. Il problema è che lavoro nel call center di una grande azienda ed utilizzo la cuffia, il computer, di cui soprattutto il mouse, per più di sette ore al giorno. A tale scopo volevo chiederle cortesemente se, questi problemi nell’utilizzo del computer (problemi posturali, di utilizzo del mouse ect. ) siano transitori o se sono destinati a permanere e se un’attività lavorativa di questo tipo possa pregiudicare la completa guarigione. Nel caso non avessi scelta, mostrando la documentazione medica è possibile obbligare l’azienda a cambiarmi mansione oppure è necessario avere un certificato di invalidità. La ringrazio anticipatamente. Luca

Risposta del 24 febbraio 2008

Risposta a cura di:
Dott. GIOVANNI MIGLIACCIO


Credo che siano necessari periodi anche di riabilitazione. Poi bisogna fare dei controlli neurofisiologici come Potenziali evocati e Elettromiografia.
Una certificazione medica può consigliare, anche per un periodo di tempo determinato, un cambio di mansioni.
Ma per un inquadramento diagnostico e prognostico preciso è necessaria una completa valutazione sia clinica che strumentale.

Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)

Ultime risposte di Mente e cervello




Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa