Richiesta di aiuto

07 marzo 2006

Richiesta di aiuto




04 marzo 2006

Richiesta di aiuto

gentile dottore, mio figlio di 15 anni ha Epstein Barr ad un livello di 170. 00 cosa vuol dire?, è pericoloso?, cosa comporta per il suo organismo ? la ringrazio per la disponibilità

Risposta del 07 marzo 2006

Risposta a cura di:
Dott. TONINO GRASSO


Se sta bene non si deve preoccupare. Gli anticorpi contro il virus in questione si acquisiscono ordinariamente entro il terzo anno di vita e sono la spia dell'avvenuta infezione, che è molto diffusa nella popolazione, generalmente senza alcuna conseguenza. Quando invece si manifesta la malattia, questa cronicizza in una piccola percentuale di casi. E' ancora in discussione il ruolo di questo virus in patologie autoimmuni, riconosciuto soltanto teoricamente e di difficile dimostrazione a causa appunto dell'ubiquitarietà di detto agente infettante.

Dott. Tonino Grasso
Medicina Territoriale
MARTANO (LE)

Risposta del 07 marzo 2006

Risposta a cura di:
Dott. ALBERTO MOSCHINI


Purtroppo il virus di Epstein-Barr è completamente sottovalutato, mentre in letteratura internazionale, viene messo in relazione con molte patologie autoimmuni, ma non solo, anche nei linfomi, e nel carcinoma naso faringeo, come d'altronde il virus Papilloma, per il carcinoma della cervice. Il virus produce proteine per nascondersi al sistema immunitario, pertanto una volta che questo ha prodotto anticorpi, non riesce più a individuarlo. La sua funzione è di abbassare il sistema immunitario, facendo entrare altri virus. Ultimamente è stato messo in relazione alla sindrome da stanchezza cronica. Nella mia pratica clinica, negli ultimi anni, moltissimi pazienti avevano disturbi riconducibili al virus. Più la patologia è trascurata, più difficilmente è radicarlo.
Vanno somministarti farmaci omeopatici ed omotossicologici, per stimolare il sistema immunitario a portarlo via.
SAluti

Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia, agopuntura. . . )
MASSA (MS)

Ultime risposte di Malattie infettive


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube