Richiesta pareri su farmaci consigliati

17 febbraio 2006

Richiesta pareri su farmaci consigliati




14 febbraio 2006

Richiesta pareri su farmaci consigliati

FIGLIO 17eNNE SCORSO ANNO GRANDE EOSINOFILIA ( 47, 5%) ORA SCESA 12% MA NON ANCORA SCOPERTO CAUSA, DA CIRCA 5 ANNI QUANDO E' INIZIATO SVILUPPO LAMENTA IN ALCUNI PERIODI IN MODO QUASI OSSESSIVO CHE AL MOMENTO DEI PASTI IN PARTICOLAR MODO HA " PAURA DI VOMITARE E GLI VIENE LA NAUSEA" (QUANDO E? PARTICOLARMENTE STRESSATO) ORA E' STATO VISTO ANCHE DALLO PSICHIATRA CHE GLI HA PRESCRITTO OLTRE AL LEVOBREN ( CHE HA INIZIATO AD ASSUMERE DA CIRCA 1 SETTIMANA CON RISULTATI SCARSI ) ANCHE ENTACT 10 MG 1/2 COMPR LA MATTINA - DEVE ANCORA INIZIARE MA SONO MOLTO MOLTO PREOCCUPATA DOPO AVER LETTO IL FOGLETTO ILLUSTRATIVO. IO PENSO CHE QUESTO TIPO DI PAURE SI POTREBBERO VINCERE CON LA PSICOTERAPIA SENZA AVVENTURARSI NEL TUNNEL DEGLI PSICOFARMACI: STO SBAGLIANDO? VI PREGO DATEMI UN CONSIGLIO!!!!!

Risposta del 17 febbraio 2006

Risposta a cura di:
Dott.ssa MARIA ADELAIDE BALDO


Non conoscendo direttamente suo figlio è difficile dare indicazioni precise, però in linea doi massima sono d'accordo con lei. I farmaci possono essere utili o addirittura indispensabili per mitigare i sintomi, ma solo una psicoterapia può risolvere il problema alla radice. Tanto più che quel tipo di sintomatologia è con ogni probabilità la somatizzazione di una Nevrosi, ossia di un conflitto interno che trova nei sintomi fisici il modo di manifestarsi. Anzi, pensare che solo con terapie fisiche (quali sono oi farmaci) si possa risolvere il problema, può addirittura creare un circolo vizioso in cui suo figlio rischia di concentrarsi sul sintomo e non sulle sue cause, che sono chiaramente psicologiche. Essendo così giovane gli darei anch'io la possibilità di confrontarsi con se stesso all'interno di una psicoterapia che altro non è se non la ricerca di un personale equilibrio ed integrazione.
Aggiungo che nell'adolescenza quei sintomi sono spesso la spia di una angoscia inespressa relativa alla nuova identità che si sta construendo (non dimentichiamo che l'adolescenza è un periodo di grande e difficile lavoro interiore).
Perciò credo che lei farà bene a contattare un bravo psicoterapeuta esperto in adolescenza.

Dott. Ssa M. Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)

Ultime risposte di Mente e cervello


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube