Risposta del dott. migliaccio su 'orgasmo ed eiaculazione'

17 giugno 2006

Risposta del dott. migliaccio su 'orgasmo ed eiaculazione'


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


13 giugno 2006

Risposta del dott. migliaccio su 'orgasmo ed eiaculazione'

Gentile dott. Migliaccio,
la ringrazio ancora della sua pazienza e, come mi ha richiesto, le invio nuovamente il primo quesito con la sua risposta, nonché il testo del mio secondo messaggio, nella speranza che ora finalmente il quadro sia sufficientemente chiaro da consentirle una risposta esauriente. Mi scuso per l'imprecisone della mia domanda.

Domanda del 07/04/2006
Vorrei sapere se è possibile che un neurinoma della cauda, diagnosticato e curato chirurgicamente con successo nella prima adolescenza (fine anni '60), possa pregiudicare per sempre lo svolgimento di una normale vita sessuale del paziente (attualmente cinquantenne), esitando in una totale incapacità di raggiungere l'orgasmo con altri modi che non la masturbazione, senza che si lamenti calo del desiderio o deficit erettile. Può essere tale modalità eiaculatoria esclusiva il risultato di una qualche lesione neurologica avvenuta nel corso dell'intervento chirurgico di tanti anni fa?

Risposta del 10/04/2006
Gentile signore,
ma, mi scusi, la attività sessuale di questo paziente dalla fine degli anni '60 ad oggi come è stata? Se questo disturbo è comparso recentemente non può certo considerarsi un esito di quell'intervento. Il consiglio è di consultare lo specialista urologo-andrologo.
Cordialmente

Domanda del 07/06/2006
Mi scuso per l'incompletezza della descrizione fornita ma credevo fosse chiaro dal con testo che il disturbo funzionale riferito è stato DA SEMPRE l'unica modalità sessuale del paziente il quale non è mai stato in grado di ottenere orgasmo ed eiaculazione durante il coito, pur in presenza di una dichiarata soddisfacente vita sessuale e di relazione con l'altro sesso. Il dubbio è dunque il seguente: esiste la possibilità di una disfunzionalità di origine neurologica o nulla di simile è presente in letteratura e si deve quindi pensare a qualche disagio psicologico-relazionale?
La ringrazio sinceramente dell'attenzione e della pazienza.

Risposta del 17 giugno 2006

Risposta a cura di:
Dott. GIOVANNI MIGLIACCIO


Penso che i Suo problema debba esser trattato da uno specialista urologo. Comunque Le chiedo ancora: in 46 anni non ha fatto nulla per capire l'origine della disfunzione?

Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)

Ultime risposte di Mente e cervello

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Il sapore della felicità. Di Luca Pani
31 dicembre 2020
Notizie e aggiornamenti
Il sapore della felicità. Di Luca Pani
Chi siamo e da dove veniamo?
25 dicembre 2020
Notizie e aggiornamenti
Chi siamo e da dove veniamo?
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa