Risvegli notturni

06 aprile 2002

Risvegli notturni




Domanda del 03 aprile 2002

Risvegli notturni


Sono una persona ansiosa, ho sofferto di depressione, ne sono uscita, e sono anni ormai che mi curo con vari medicinali dato che soffrivo anche di attacchi di panico e avrei voluto poter dormire almeno 6 ore di seguito anziche' fare continui risvegli notturni, comunque i medicinali di cui facevo uso, sotto controllo medico, erano: trimipramina. nortriptilina, sodio valproato, imipramina. Da circa 20 giorni ho cambiato medico che mi ha cambiato cura con clordemetildiazepam, alprazolam mantenendo nortriptilina: non ho piu' avuto attacchi di panico ma continuo ad avere continui risvegli notturni che mi costringono ad andare a lavorare sbadigliando, nervosa e stanca. Cosa posso fare ???
Risposta del 06 aprile 2002

Risposta di MAURO MILARDI


Oltre alle terapie farmacologiche ha mai provato con la psicoterapia cognitivo comportamentale e/o con l'EMDR (Desensibilizzazione e Rielaborazione tramite i movimenti oculari) ? Tenga presente che il nostro tono dell'umore è la conseguenza di "come pensiamo" e che è necessario provare a modificare i nostri pensieri per poter modificare l'umore.

Dott. MAURO MILARDI
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata



Il profilo di MAURO MILARDI
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Ultime risposte di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Disturbi dell'apprendimento, dieci punti per capire
Mente e cervello
19 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Disturbi dell'apprendimento, dieci punti per capire
Sindrome di Asperger: graphic novel sulla vita quotidiana di una ragazza
Mente e cervello
16 settembre 2018
Libri e pubblicazioni
Sindrome di Asperger: graphic novel sulla vita quotidiana di una ragazza
I ragazzi balbuzienti sono più a rischio di bullismo
Mente e cervello
13 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
I ragazzi balbuzienti sono più a rischio di bullismo