Rm encefalo senza contrasto

05 novembre 2013

Rm encefalo senza contrasto


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


21 ottobre 2013

Rm encefalo senza contrasto

Gent. Mo Dott. QUIRINO EMILIO QUISI
nell'attesa del consulto con lo specialista neurologo fissato per la fine del prossimo mese di novembre, chiedo cotesemente di anticiparmi quali le probabili diagnosi stante il referto sottoposto.
Si parla di Sclerosi Multipla? Demenza Senile? di che altro?
Ringraziandolo per la disponibilità, saluto cordialmente
Valerio

Espongo di seguito il referto di una RM a cui si è sottoposta mia mamma in seguito ad un episodio di amnesia durato qualche ora durante le quali non ricordva gli eventi delle ultime precedneti 6 ore.
nell'attesa di effettuare consultoo c/o studio neurologico, chiedo in anticipo aiuto per comprendere gli esisti. grazie.
Saluto cordialmente
Valerio

Esame eseguito mediante sequenze SE T1w, TSE T2w, FLAIR e DWI nei tre piani dello spazio esclusivamente in
condizioni basali.
Non si osservano alterazioni morfostrutturali e di segnale in sede sopra e sottotentoriale con caratteristiche RM di
evolutività nè patologiche restrizioni della diffusività.
In corrispondenza dei centri semiovali e della corona radiata d'ambo i lati nonchè in corrispondenza della sostanza bianca
sottocorticale bi emisferica sono presenti multiple alterazioni di segnale, iperintense nelle sequenze a lungo TR, prive di
restrizione della diffusività e pertanto compatibili con esiti vasculopatici cronici.
Dilatati gli spazi di Virchow-Robin
Il tronco encefalico è normorappresentato per morfologia e segnale.
Regolare l'aspetto della fossa cranica posteriore.
Ampliate le strutture cisternali, gli spazi liquorali della volta e della base in rapporto ad atrofia.
Normale l'ampiezza del sistema ventricolare.
Strutture mediane in asse.


Risposte:
Risposta del16/10/2013

DESCRIVERE TUTTI I SINTOMI APPARE FONDAMENTALE. C' E' UN' ATROFIA ALLA RMN BASALE. ATTENDA IL CONSULTO CON IL NEUROLOGO, AVVISANDO MAGARI ANCHE IL MEDICO DI FAMIGLIA, PER COINVOLGERLO NEL PROCESSO DECISIONALE

Risposta del 05 novembre 2013

Risposta a cura di:
Dott. QUIRINO EMILIO QUISI


gentilissimo, occorre vedere il soggetto dove la parte clinica è importante e per fare una diagnosi non serve assolutamente solo il referto; e' un esame senza altro posiitivo, da mostrare al neurologo fra qualche settimana:

Dott. QUIRINO EMILIO QUISI
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Medicina dello sport
Specialista in Psichiatria
Busto Arsizio (VA)

Ultime risposte di Mente e cervello

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa