Secchezza notturna delle fosse nasali

09 febbraio 2006

Secchezza notturna delle fosse nasali




06 febbraio 2006

Secchezza notturna delle fosse nasali

Buongiorno! Grazie innanzitutto per l'ottimo servizio sociale!
Ho avuto nel 2004 un incidente stradale dove ho fratturato 2 vertebre lombari, un mese sdraiata e 4 mesi di busto, riabilitazione e sarei anche guarita se non fosse che da allora di notte, o sempre in posizione orizzontale le fosse nasali si seccano completamente e devo bere e spruzzare nelle narici dell'acqua (tipo spry di acqua marina - tipo tonimer. . ) per riuscire a respirae. Ho fatto le lastre e pur avendo il setto nasale deviato mi dicono che riesco a compensare e che i turbinati si sono ingrossati e ci sono delle piaghette sulle fosse nasali, ma non mi hanno voluto operare. E' da troppo tempo che continua, sono sempre in dormiveglia e devo urinare minimo una a volte anche due volte per notte. sono stanca e nervosa, e nessuno mi dice a cosa possa essere dovuto. forse una compressione, problemi al parasimpatico o simpatico? Grazie per una risposta. So che c'è chi sta peggio, ma vorrei tanto dormire. . .

Risposta del 09 febbraio 2006

Risposta a cura di:
Dott. TONINO GRASSO


La presenza di nicturia e polidipsia (sete) fanno pensare alla possibilità che il trauma abbia causato un'alterazione ipofisaria con ridotta secrezione di ormone antidiuretico (ADH) e quindi un lieve Diabete insipido. Le manifestazioni a carico della mucosa nasale potrebbero essere una conseguenza. Se non riesce ad abituarsi a dormire semiseduta per ovviare a quest'ultimo disturbo, continuando a tollerare la polidipsia e la nicturia, può provare una terapia farmacologica, solo dopo diagnosi accurata, sotto la guida di un endocrinologo.

Dott. Tonino Grasso
Medicina Territoriale
MARTANO (LE)

Ultime risposte di Malattie infettive


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube