Sjogren, disgeusia (cacogeusia) e bocca urente

08 agosto 2013

Sjogren, disgeusia (cacogeusia) e bocca urente




22 luglio 2013

Sjogren, disgeusia (cacogeusia) e bocca urente

Gentili dottori vi contatto al fine di chiedervi un consulto riguardo la patologia di Sjogren.
Mia madre ha 70 anni ed è affetta da questa patologia nella sua forma primaria da alcuni anni.
Questa patologia le è stata diagnosticata dopo tutta una serie di esami specialistici eseguiti
presso strutture ospedaliere.
Dopo essere stata seguita per la prima volta da uno specialista immunologo senza alcun
beneficio, adesso da circa un anno è seguita da un altro specialista immunologo il quale
ritiene che vi sia anche un reflusso gastroesofageo (generato dalla Sjogren?) e che sia
questo la causa dei sintomi di seguito descritti.
Ultimamente la sintomatologia è divenuta ormai per lei insostenibile e mi riferisco in particolare alla secchezza del cavo orale (xerostomia) che le procura una tremenda alterazione permanente del sapore di qualsiasi cibo.
Anche in assenza di cibo è presente un insopportabile sgradevolissimo gusto in tutto il cavo orale che solo alcune volte le fa venire l'urto del vomito.
Oltre a questa permanente secchezza orale e del gusto ultimamente si è aggiunto anche il bruciore della bocca.
Naturalmente mia madre segue una rigorosa igiene orale per almeno tre volte al giorno e comunque dopo ogni pasto.
Questa alterazione complessa del cavo orale la sta portando ad assumere quantità di cibo sempre più ridotte con conseguenze facilmente immaginabili.
A questo punto vorrei porle i seguenti quesiti:
1. Un reflusso gastroesofageo è la naturale conseguenza della sindrome di Sjogren?
2. Tutta la sintomatologia sopra descritta è determinata dal reflusso gastroesofageo come conseguenza della sindrome di Sjogren?
3. Ritenete che tutti questi sintomi possano essere dovuti ad altre patologie e che quindi sia necessario rivolgersi ad uno specialista di un'altra branca della medicina?
Vi ringrazio per il vostro tempo e per la vostra disponibilità ;.
Resto in attesa di un vostro gentile riscontro.

Risposta del 08 agosto 2013

Risposta a cura di:
Dott. SANDRO CAMMELLI


come specialista ginecologo non posso essere di alcun aiuto mi spiace

Dott. sandro cammelli
Specialista attività privata
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Piantedo (SO)

Ultime risposte di Salute femminile

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa