Sospetta ernia iatale

27 maggio 2015

Sospetta ernia iatale




22 maggio 2015

Sospetta ernia iatale

Salve,

Circa 1 mese e mezzo fa iniziai ad avere disturbi allo stomaco ed alla digestione così decisi di fare una visita di controllo dal mio medico dicendomi di avere una piccola Ernia iatale, mi prescrisse una cura fatta di:
Pantorc 20 mg x 10 GG
Debridat mattina e sera X 5 GG
Enterogermina mattina e sera X 5 GG,

questa cura non mi servì molto tanto che dopo circa una settimana i dolori si riprtesentarono, ma da circa Domenica scorsa questi dolori si sono alterati e trasformati molto, ho i seguenti sintomi:

Toccandomi la pancia noto un forte gonfiore che parto dallo stomaco e raggiunge il centro del torace, Dolore forte allo stomaco che si estende dalla bocca dello stomaco, sotto ai costati destro e sinistro e dal centro che risale verso la parte destra del torace e centrale del torace e allo stesso tempo alla schiena nello stesso punto quasi come se fosse un dolore riflesso, si presenta quasi come delle fitte e soprattutto dopo mangiato, a volte mentre mangio mi aumenta anche il battito cardiaco, Le feci da circa 1 mese sono gialle e molli, a volte ho una visione offuscata e confusa e da circa 2-3 gg ho un dolore al lato destro della gola quando ingoio come se avessi un taglio in gola e ho notato due palline di pochi millimetri nella gola più o meno nella zona centrale che sembrano essere collegati ad una vena.

Da circa 2 gg ho riniziato a prendere il Pantorc 20 mg al mattino e il Gaviscon dopo i pasti.

Vorrei avere gentilmente un parere medico, un consiglio e magari se tutto questo sia collegato alla sospetta Ernia iatale o a qualcos'altro.

Ringrazio in anticipo

Risposta del 27 maggio 2015

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Non è possibile dare un parere preciso di fronte a dolori addominali, senza poter eseguire una visita. Credo, tuttavia, che abbia fatto bene a riprendere quella cura, che presumo avrà successo in breve tempo.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)
Risposta del 27 maggio 2015

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


È difficile interpretare un dolore addominale, senza poterla visitare. Ma ha fatto bene a riprendere la stessa terapia, con la quale starà meglio in breve tempo.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Stomaco e intestino




Vedi anche:
Ultimi articoli
Colite ulcerosa
14 aprile 2020
Patologie mediche
Colite ulcerosa
Un batterio per amico
21 febbraio 2020
Quiz e test della salute
Un batterio per amico
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube