Stanchezza cronica debilitante, perché?

02 dicembre 2020

Stanchezza cronica debilitante, perché?


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


27 novembre 2020

Stanchezza cronica debilitante, perché?

Salve sono Roberta ho 29anni e da due soffro di stanchezza cronica, assoluta, sfibrante, insistente, deprimente. Nessun medico riesce ad identificare le cause che scatenano il malessere. Ho controllato tutto o quasi. I miei soldi li spendo con le visite mediche. La mia vita è cambiata, ero sportiva, ho smesso di fare sport perché non me la sentivo, facevo yoga ho smesso, uscivo con le amiche ora non più perché devo rimandare qualsiasi appuntamento, caffè, cena, uscivo con la macchina tranquillamente, ora no perché se sono sola temo di sentirmi male, debole, di svenire, di dovermi accasciarsi, rinuncio alle cene, al mare non sono potuta andare perché dopo mezz'ora al sole mi sento svenire. ho sempre quella sensazione di presvenimento, vista offuscata, occhi a metà, gambe molli, qualche giramento di testa. Insomma non ho più una vita, ormai ho paura di stare da sola a casa per più di un ora. Ero una persona forte, vivace, allegra, autonoma, iperattiva, mai ho detto"sono stanca" neanche quando ho fatto per scelta lavori struggenti con orari assurdi anche notturni. I medici mi dicono che sto bene. Io non sto bene per niente! A volte per la rabbia crollo e piango perché non sono più io. Non sono ormoni, ne occhi, tiroide, ovaie, stomaco, cervicale. Quale può essere realmente la causa di tutto ciò? Non so più dove sbattere la testa e temo di non risolvere mai. . . Sono psicologicamente abbattuta. . . E ormai sono sottopeso, non riesco a riprendere i miei 8kg da quando ho smesso di allattare quasi 2 anni fa. Ora peso 48kg, prima pensavo 54 fisso. Cosa ho?

Risposta del 02 dicembre 2020

Risposta a cura di:
Dott. ROCCO CACCIACARNE


Mi sembra, apparentemente, che il Suo problema sia di genesi psicologica. Le informazioni che fornisce sono appena sufficienti per farsi un'idea ed assai vaga. Propenderei per un disturbo protratto post - puerperio. Ha un/a bambino/a. . . e il padre? Come sta crescendo il vostro tesoruccio? E' vero che la "stanchezza cronica", a detta dei più, inizia dopo un'aggressione virale, ma nel Suo caso, essendo Lei molto giovane, il corpo avrebbe tutte le risorse per riprendersi. In conclusione: LEI HA BISOGNO DI UNO PSICOTERAPEUTA SPECIALISTA che La prenda in cura. Con pazienza va cercato il bandolo della matassa e Lei stessa, vedrà, sarà in grado di riorganizzare la Sua vita, partendo da chi Le vuole veramente bene. Non è facile reperire un/a Psicoterapeuta veramente capace; si consigli con il Suo Medico di Famiglia.

Dott. Rocco Cacciacarne
Specialista attività privata
Psicologia clinica
Specialista in Medicina di comunità
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Medicina interna
Verona (VR)

Ultime risposte di Salute femminile

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa