Stipsi

09 novembre 2005

Stipsi




29 ottobre 2005

Stipsi

Mio figlio ha grossi problemi di stipsi, il fenomeno si è manifestato a partire dal 14 mese di vita, nonostante sia nato naturalmente e fino alla data predetta non si siano mai verificati sintomi o patologie tipiche del problema. A tutt'oggi il bambino segue una dieta accuratamente controllata e ricca di fibre, da circa un anno, dopo il ripetersi di interventi da parte di personale medico (rottura fecalomi e conseguente clistere), viene "aiutato" con dei farmaci (Epalfen 6 gr e da circa 1 mese con Paxabel 4gr in sostituzione). Nonostante tutto ciò, il bambino alterna periodi regolari con altri invece di stipsi a volte fino a rendere necessario l'intervento medico, successivo al tentativo di sbloccarlo con dei clisteri casalinghi. I vari medici che lo hanno visitato escludono patologie organiche essendosi presentato il problema dopo lo svezzamento, sconsigliano di procedere con esami invasivi. Tengo a precisare che il bambino è molto seguito e frequenta da pochi mesi l'asilo nido per poche ore al mattino. Ora vorrei una vostra opinione e/o suggerimento in merito. Anticipatamente ringrazio per l'attenzione dedicatami e con l'occasione porgo cordiali saluti. Vannuccini Claudio BZ

Risposta del 09 novembre 2005

Risposta a cura di:
Dott. FILIPPO GRECO


La stipsi ostinata o ricorrente deve essere indagata anche con esami invasivi soprattutto se non ci sono stati grossi miglioramenti dalle modificazioni dietetiche. per prima cosa consiglierei una consulenza di chirurgia pediatrica. Utile eseguire un clisma opaco per escludere un megacolon. Utile valutare una eventuale allergia alle proteine del latte vaccino che a volte si associa a stipsi.

Dott. Filippo Greco
Medico Ospedaliero
Specialista in Pediatria e Neonatologia
PALERMO (PA)

Ultime risposte di Infanzia


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube